domenica 22 gennaio | 09:23
pubblicato il 25/gen/2011 05:10

Ruby/ Bagnasco: Paese è sgomento. Berlusconi teme abbandono

La escort Macrì ritratta: mai vista Ruby ad Arcore

Ruby/ Bagnasco: Paese è sgomento. Berlusconi teme abbandono

Roma, 25 gen. (askanews) - Dopo l'invito del segretario di Stato vaticano Bertone ad una maggiore "sobrietà e legalità", e dopo le parole del Papa sul recupero della moralità da parte delle istituzioni, ieri sul caso Ruby ha parlato anche Angelo Bagnasco, "La collettività guarda sgomenta gli attori della scena pubblica, e respira un evidente disagio morale", afferma Bagnasco nella prolusione del Consiglio permanente della Cei, il 'parlamentino' dei vescovi, aperto ieri ad Ancona. "Nubi ancora una volta preoccupanti si addensano sul nostro Paese", afferma l'arcivescovo di Genova, in un discorso prevalentemente dedicato - pur senza mai nominare il premier Silvio Berlusconi - alle vicende politiche italiane. Il Pdl ha cercato di minimizzare. Fabrizio Cicchitto parla di intervento da valutare "del tutto positivamente". Maurizio Gasparri invita a non strumentalizzare. Ma le parole di Bagnasco non è suonato affatto tranquillizzante ad Arcore. Soprattutto, viene spiegato, il premier teme che la Chiesa lo abbia già abbandonato e sia solo in attesa che emerga definitivamente il prossimo premier (magari Tremonti o Casini) per dare il segnale definitivo. Ma Berlusconi, come ha ripetuto a profusione, non ha intenzione di dimettersi ed è certo, da premier in carica, di poter rappresentare ancora agli occhi del Vaticano un argine a certe posizioni espresse tanto dalla sinistra quanto da Fli. Resiste nel suo 'fortino'. Oggi sarà di rientro a Roma, ieri ad Arcore è stato come al solito impegnato nel pranzo con i figli, in riunione con Ermolli e Confalonieri, e a colloquio con Letizia Moratti per parlare delle amministrative di Milano. E poi, ovviamente, in 'consiglio permanente di guerra' con i suoi avvocati. Intanto l'inchiesta va avanti. La ex escort Nadia Macrì adesso dice di non aver mai incontrato Ruby ad Arcore, dove è stata tre volte, o meglio non è sicura, in quanto ha incontrato "una ragazza che le somigliava". Inoltre dopo gli "abusi" sulle intercettazioni con i quali ci si "trova a fare i conti", è rispuntata una proposta di legge del Pdl contro "l'ingiusta intercettazione", con l'obiettivo di "responsabilizzare alcuni pm". Il primo firmatario, l'ex sottosegretario alla Giustizia Luigi Vitali, ha spiegato che è stata depositata "tra fine ottobre e inizio novembre" e che prevede sanzioni disciplinari per pm e giudici "incompetenti" che autorizzano ascolti, ma anche "indennizzi" per imputati intercettati e poi prosciolti o per "soggetti estranei ai reati", come i testimoni, ma il cui contenuto delle conversazioni viene "sbattuto sui giornali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4