martedì 21 febbraio | 11:37
pubblicato il 18/ago/2014 09:22

Romani (Fi): non ci sono condizioni per grande coalizione

Ok riforme ma no confusione su responsabilita' in economia (ASCA) - Roma, 18 ago 2014 - "Noi abbiamo partecipato molto attivamente al cammino delle riforme istituzionali perche' corrispondono da sempre alla nostra impostazione politica.

Abbiamo dunque contribuito in modo decisivo a cambiare Senato e Titolo V della Costituzione. Siamo disposti a lavorare anche per una nuova legge elettorale che vada nel sendo del bipolarismo maggioritario, senza lasciare dubbi su chi vince e chi perde. Ma, questo deve essere chiaro, noi ci fermiamo li'. Niente confusione sulle responsabilita' in materia di economia". Lo afferma il capogruppo di Forza Italia al Senato, Paolo Romani, in un'intervista a 'La Stampa'. "Diagnosi e terapie circa i mali da affrontare ci trovano assolutamente lontani dalle impostazioni governative. In particolare, non abbiamo compreso quale sia l'approccio alla madre di tutte le questioni, che e' rappresentata dall'Europa, dove bisogna smettere di prendere ordini e occorre ripensare in chiave di crescita il ruolo della stessa Banca centrale...".

Ska

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia