martedì 24 gennaio | 14:45
pubblicato il 16/lug/2012 21:29

Roma/ Nicola Zingaretti: "Mi candido sindaco"

"Non mi tirerò indietro" Acqua, urbanistica, trasporti

Roma/ Nicola Zingaretti: "Mi candido sindaco"

Roma, 16 lug. (askanews) - Nicola Zingaretti traccia il bilancio di quattro anni di governo della Provincia di Roma con le realizzazioni. "Siamo qui innanzitutto per raccontare quello che abbiamo fatto, mostrare che siamo degni della fiducia che ci e' stata data", ha detto il presidente che ora è pronto a lanciare la sfida guidare il comune. "Mi candiderò sindaco di Roma, su questo non c'è dubbio" ha detto parlando a trastevere in una piazza S. Cosimato gremita anticipando la sua partecipazione alle primarie del centrosinistra. "Questa - ha detto ai cittadini - e' una chiamata a raccolta, e' tempo di cominciare a ricostruire una speranza, una fiducia per tornare anche a Roma. Vi verro' a cercare casa per casa, in questa mia citta', per ascoltare e chiedere un aiuto e insieme a voi faro' la scelta di candidarmi a sindaco di Roma...I programmi - ha aggiunto li sanno scrivere tutti , ma la differenza la fa la credibilità di chi si candida per fare il proprio dovere". Il presidente della Provincia ha poi parlato di "una nuova carta civica di diritti e di doveri per chiamare le persone a un nuovo riscatto di città civile". Tra i punti qualificanti proposti da Zingaretti per cambiare Roma sono stati citati "la selezione di una nuova classe dirigente per Roma vogliamo mettere i migliori al posto giusto perchè qui inizia la rivoluzione democratica che può ridare fiducia alla gente". E poi "l'acqua, che è molto più che un bene pubblico: privatizzare l'Acea - ha sottolineato - è una pura follia". Zingaretti ha poi citato una nuova politica urbanistica, dicendo "basta con il consumo indiscriminato dell'agro romano" e ha detto di voler "rifondare e non smantellare il sistema di welfare cittadino". Ordine pubblico? "Più presenza sul territorio delle forze dell'ordine, ma la sicurezza - ha aggiunto - richiama la politica ai propri impegni. Chi ha ha delle responsabilità pubbliche deve garantire la città con l'idea che non esistano spazi bui o abbandonati". E poi trasporto pubblico, perchè ci sia una "politica della mobilità nella quale sia chiaro il diritto dei cittadini e' quello a non avere la macchina, perché c'e' un servizio pubblico che funziona". E, sulla scorta del progetto di rete pubblica wi-fi più grande d'Europa realizzato con la Provincia, Zingaretti ha parlato di "Città digitale mettendo a conoscenza di tutti tutto ciò che bisogna sapere dell'amministrazione pubblica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4