domenica 26 febbraio | 02:11
pubblicato il 19/feb/2016 18:00

Roma, M5s presenta aspiranti sindaci: "Siamo pronti a governare"

"Diversi da partiti, temiamo sono l'astensionismo"

Roma, M5s presenta aspiranti sindaci: "Siamo pronti a governare"

Roma, 19 feb. (askanews) - Il Movimento 5 Stelle presenta i suoi 6 aspiranti candidati a sindaco e assicura: "Vogliamo vincere e governare". Oggi a Montecitorio i sei scelti ieri dopo la prima tornata di "comunarie" online si sono presentati in conferenza stampa.

"Dimostriamo ancora volta la nostra differenza dalla politica con persone giovani, preparate che hanno voglia di cambiare la città con metodi differenti dal passato", ha detto la senatrice Paola Taverna, introducendo Annalisa Bernabei, Marcello De Vito, Paolo Ferrara, Virginia Raggi, Enrico Stefano e Teresa Zotta. Taverna ha ribadito che il M5s non ha candidato "big" perché "non è il nostro metodo quello di mettere un uomo noto per poter ricevere le simpatie della cittadinanza, ma presentiamo una squadra, presentiamo un programma".

"La città è governata e gestita in malo modo, è il momento di dire basta", ha detto Bernabei, 27 anni, studentessa di ingegneria. "La nostra città non è amministrata - ha aggiunto Enrico Stefano, 29 anni, laureato in Giurisprudenza e consigliere uscente al Comune -, i soldi delle tasse sono stati buttati dalla finestra. Noi dobbiamo ribaltare il paradigma".

"Vogliamo riconsegnare al territorio la dignità che merita", ha detto Ferrara, 45 anni, finanziere, consigliere municipale del Movimento a Ostia, attaccando poi il commissario romano del Pd, Matteo Orfini, e il senatore Stefano Esposito: "Fanno attacchi strumentali per coprire gli errori del Pd davanti alla gente che è stata massacrata per colpa loro. Orfini dava copertura politica al malaffare, non dia lezioni di morale a noi".

Virginia Raggi, 37 anni, avvocato, consigliere comunale uscente, tra i favoriti per diventare il candidato, ha sottolineato la "grandissima occasione per canalizzare la rabbia, la protesta e il disgusto e governare, con buon senso, onestà e voglia di fare". Raggi ha anche smentito il fatto che il M5s non voglia in realtà vincere le elezioni a Roma: "Vogliamo governare - ha assicurato - perché se continuiamo ad affidare la città ai vecchi partiti continuiamo la discesa verso il baratro. Solo con noi al timone è possibile cambiare rotta. L'avversario più temibile, l'unico che temiamo, è l'astensionismo".

Per Zotta "cambiare la città è possibile, si può renderla più sicura e vivibile", mentre De Vito, avvocato 41enne, anch'egli consigliere uscente, ha denunciato che "a Roma su 5 miliardi di bilancio c'è almeno un miliardo di sprechi. Noi abbiamo le mani libere, non dobbiamo servire lobby, siamo determinati e vogliosi di guidare la nostra città".

La seconda fase delle "comunarie" per la scelta del candidato sindaco dovrebbe tenersi la prossima settimana.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech