sabato 21 gennaio | 23:50
pubblicato il 21/feb/2012 05:10

Rischio debacle e paura 2013, simbolo amministrative divide Pdl

Terzo Polo discute nuovo soggetto. Prosegue dialogo su riforme

Rischio debacle e paura 2013, simbolo amministrative divide Pdl

Roma, 21 feb. (askanews) - Non presentare il simbolo del Pdl per evitare uno schiaffo troppo violento dalle urne amministrative. Anche di questo si è discusso in serata a villa Gernetto nel corso del vertice convocato da Silvio Berlusconi per fare il punto sulla tornata elettorale di maggio. Ma è chiaro che la strategia per la campagna si lega al progetto che il Popolo della libertà sposerà in vista delle Politiche del 2013, soprattutto sul fronte delle alleanze. E così anche la possibilità di ridurre al minimo la presentazione del simbolo sembra a qualcuno la spia che indica un possibile disimpegno di Berlusconi nei confronti della sua creatura, in vista di qualcosa che deve ancora delinearsi. I primi a mostrare molti dubbi rispetto all'ipotesi di archiviare fin dalle amministrative il simbolo inventato dal Cavaliere sono gli ex An. L'hanno confermato senza giri di parole Matteoli, La Russa e Gasparri. Sul fronte opposto alcuni uomini vicini al segretario, come Crosetto. Altri ancora, come Galan, spingono invece per correre addirittura con il vecchio simbolo di Forza Italia. Alfano sembra sia attestato su una posizione intermedia: via libera alle liste civiche, affiancate al simbolo del Popolo della libertà, tranne che nei casi troppo 'pericolosi' dove si rischia davvero una debacle. E nel partito è tutto un fiorire di ipotesi sul possibile restyling del Pdl in vista delle Politiche. E' chiaro che l'intero quadro risente del dibattito in corso sulla costruzione del contenitore moderato lanciato da Fini e Casini. Perché se Alfano e Berlusconi decidessero di sposare una linea 'montiana', una fetta rilevante degli ex An difficilmente potrebbe evitare la scissione, mentre se Berlusconi si allontanasse da ipotesi di 'responsabilità' in vista del 2013, lo strappo si verificherebbe sul fianco 'sinistro' - moderato - del Pdl. Intanto le manovre continuano. Fini, Casini e Rutelli hanno discusso a lungo, oggi, della strategia da portare avanti. Non mancano nel Terzo polo difficoltà rispetto all'idea di lanciare il partito (unico) della nazione. Molti dirigenti finiani, infatti, sono ostili alla possibilità di confluire in un soggetto unitario. In attesa di capire cosa accadrà nel Terzo Polo, prosegue il confronto tra le forze di maggioranza. Oggi gli sherpa di Pd, Pdl, Udc e Fli - Violante, Quagliariello, Adornato e Bocchino - si sono riuniti a Montecitorio. Pare abbiano iniziato a mettere a punto la bozza unitaria di riforme da sottoporre ai segretari fra alcuni giorni. Ma, raccontano alcune fonti, si starebbe ragionando sulla possibilità di avviare un tavolo simile per predisporre un 'piano di intervento' per riformare la Rai.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4