venerdì 02 dicembre | 23:33
pubblicato il 13/apr/2011 12:00

Riparte il processo breve alla Camera, Pd attacca Fini

Casini: 'Accuse insensate e fuori luogo'. Prosegue l'ostruzionismo di Pd-Idv con serie di interventi su processo verbale

Riparte il processo breve alla Camera, Pd attacca Fini

Roma, 13 apr. (askanews) - E' ripartito poco dopo le 9.30 alla Camera l'esame del processo breve, quello che contiene la contestata norma che taglia i tempi di prescrizione e rischia di mandare in fumo migliaia di processi, compresso quello Mills in cui è imputato il presidente del Consiglio. La scorsa notte è stata caratterizzata da tumulti in Aula, con tanto di attacco alla vicepresidente di turno, Rosy Bindi, per la scelta di avere, secondo la maggioranza, "annullato il contingentamento dei tempi" previsti per la discussione sul processo breve. Si è conclusa così, ieri in nottata, la prima sessione della due giorni che dovrà portare, entro stasera, all'approvazione del cosiddetto, processo breve. E stamattina una nuova polemica, con il deputato Pd Roberto Giachetti che ha attaccato, intervenendo sul 'processo verbale', ovvero sul riepilogo dei lavori di ieri, la presidenza della Camera nella persona di Gianfranco Fini, sedutosi sullo scranno più alto di Montecitorio, per le decisioni assunte ieri sera sul contingentamento dei tempi sul processo breve. Subito, il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, è intervenuto in Aula e ha difeso a spada tratta il presidente Fini, sostenendo "che presiede la Camera in modo impeccabile" e che "ogni accusa di mancata terzietà è fuori luogo e insensata". Intanto, anche stamattina continua, come annunciato, l'ostruzionismo di Pd e Idv, con una interminabile serie di interventi sul 'processo verbale'. Per 30 secondi, ogni deputato interviene sul resoconto della seduta di ieri, chi per precisare il proprio intervento, chi per segnalare refusi, chi per lanciare nuove iniziative, chi soltanto per far passare il tempo. E si prepara anche la piazza. Dalle 15 davanti Montecitorio protesteranno i familiari delle vittime della strage di Viareggio, del crollo della Casa dello studente dell'Aquila e di "tutti quei cittadini che non avranno più giustizia se passerà il processo breve". Una protesta che vedrà al loro fianco i rappresentanti di Italia dei valori e del 'Popolo viola'. Arc 131116 APR 11

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari