sabato 21 gennaio | 16:51
pubblicato il 09/set/2014 13:02

Rifugiati: Zaia alla Baviera, controlli frontiere non sono la soluzione

(ASCA) - Venezia, 9 set 2014 - ''Sulla questione dei rifugiati comprendiamo le ragioni della Baviera, che pero' sono anche le nostre. La gestione di un fenomeno di queste dimensioni, che non e' esagerato definire planetario, non puo' essere scaricata su un unico Paese. Serve un piano europeo nel quale ognuno si impegni a fare la propria parte senza se e senza ma. In caso contrario, non sarebbero le questioni finanziarie ma lo scontro sociale tra chi sopporta i flussi e chi chiude le frontiere a decretare la fine dell'Europa unita''. Risponde cosi' il presidente del Veneto Luca Zaia alle dichiarazioni del ministro-presidente della Baviera, Horst Seehofer, secondo il quale ''l'Italia viola chiaramente gli accordi di Schengen'' e arriva a ipotizzare che, se la situazione non dovesse cambiare, la Germania potrebbe prendere seriamente in considerazione la possibilita' di controlli alle frontiere.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4