giovedì 23 febbraio | 20:06
pubblicato il 30/gen/2014 17:38

Rifugiati: Sprar, 20mila posti disponibili per richiedenti asilo

(ASCA) - Roma, 30 gen 2014 - Il sistema dell'accoglienza integrata di richiedenti e titolari di protezione internazionale compie un passo decisivo, con l'allargamento della rete Sprar - Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati a circa 20000 posti. Il Ministero dell'Interno ha pubblicato la graduatoria che delinea la nuova fisionomia dello Sprar che si compone di 456 progetti per richiedenti e titolari di protezione internazionale, di cui 367 progetti ordinari, 57 per minori non accompagnati, e 32 per persone con disabilita' o disagio mentale.

L'allargamento della rete di inclusione e accoglienza e' il risultato di un percorso teso al maggiore coordinamento fra i diversi attori del settore che, soprattutto in seguito all'emergenza Nordafrica, ha messo in luce la necessita' di un sistema unico per l'accoglienza dei richiedenti e titolari di protezione internazionale e il rafforzamento delle misure di integrazione sui territori.

'''L'allargamento dello Sprar - afferma il presidente dell'Anci Piero Fassino - testimonia l'importanza di una forma integrata di accoglienza riconosciuta anche dalla Commissione per i Diritti Umani presso il Consiglio d'Europa e dalla Commissione europea come modello da rafforzare ai fini della tutela, dell'accoglienza e dell'integrazione dei migranti forzati che arrivano nel nostro Paese. Questo rafforzamento del sistema e' stato possibile grazie alla positiva collaborazione tra Ministero dell'Interno e Anci e il costante confronto istituzionale con tutti i componenti del Tavolo di coordinamento nazionale, che comprende anche il Ministero per l'Integrazione, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, le Regioni e l'Upi''.

''Il Sistema di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati - afferma il sindaco di Modena e delegato Anci all'immigrazione Giorgio Pighi - ha raggiunto in questi anni un riconosciuto livello di consolidamento nell'ambito dei sistemi di welfare locali, grazie alla capillarita' della rete a livello nazionale e alla centralita' del ruolo ricoperto dagli enti locali. Riteniamo che il modello attuale dello Sprar e le molteplici esperienze cittadine di assistenza e supporto ai migranti possano rappresentare la risposta appropriata per scongiurare i rischi di esclusione sociale e favorire i percorsi di inserimento a livello locale''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech