domenica 22 gennaio | 08:55
pubblicato il 30/apr/2014 10:57

Riforme: Zanda, su Senato siamo a un passo dall'intesa

(ASCA) - Roma, 30 apr 2014 - ''Siamo a un passo dall'intesa.

Un fatto storico. E cerchero' a tutti i costi di portare il gruppo compatto a sottoscriverla''. Cosi' il capogruppo Pd al Senato Luigi Zanda, in un'intervista al Messaggero. E aggiunge: l'intesa ''e' a buon punto''. ''Adesso il 95% del nostro gruppo e' a favore'', ''e conto di portarcelo tutto''.

Nell'accordo, continua Zanda, ''c'e' unanimita' sul superamento del bicameralismo; poi su un'unica Camera che da' la fiducia; su un Senato diverso dall'attuale''. E spiega: ''i componenti'' di Palazzo Madama ''devono essere la meta'.

Il nuovo Senato interverra' assieme alla Camera su riforma della Costituzione e leggi elettorali. E sara' luogo di sintesi tra i territori e lo Stato centrale''. ''Poi c'e' un'altra cosa importante che e' tuttora oggetto di dibattito: si sta discutendo ed e' probabile che alla fine passi che il presidente della Repubblica venga eletto in seduta comune tra la Camera e il nuovo Senato ma a maggioranza richiesta dei due/terzi, questo per evitare che siano le maggioranze politiche del momento a eleggersi il proprio capo dello Stato''. Il Presidente dei senatori democratici sottolinea: ''Il Pd e' l'architrave di questo parlamento, senza il Pd nessuna riforma puo' essere fatta''. Delle minacce di Renzi di 'lasciare' senza le riforme Zanda dice:''Senza le riforme la sua impresa politica fallirebbe e lui lo ha constatato e nell'assemblea nessuno si e' scandalizzato''. Alla domanda se regga l'accordo con Forza Italia risponde:''Credo che nessuno abbia interesse a sfilarsi da una riforma che e' richiesta e attesa da tutto il Paese. E comunque, c'e' una maggioranza ben precisa di governo. E c'e' una maggioranza per le riforme piu' larga''. ''Le riforme, e in particolare quelle costituzionali, - sottolinea Zanda - vanno approvate con una maggioranza piu' larga possibile, senza escludere nessuno in partenza, salvo quelli che si autoescludono, come il Movimento Cinquestelle''. red-fdv/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4