martedì 21 febbraio | 22:20
pubblicato il 24/giu/2014 10:44

Riforme: Zanda (Pd), su immunita' parlamentari decida Consulta

Riforme: Zanda (Pd), su immunita' parlamentari decida Consulta

(ASCA) - Roma, 24 giu 2014 - ''Bisogna assolutamente evitare che una discussione sull'ipotesi immunita' per i membri del nuovo Senato faccia rallentare la riforma''. Cosi' Luigi Zanda, capogruppo del Pd a Palazzo Madama, in un'intervista rilasciata oggi a Il Sole 24 Ore.

Zanda spiega che quella sull'immunita' ''non e' certamente la norma principale della riforma. D'altra parte forme di immunita' sono presenti in quasi tutti gli ordinamenti democratici, anche per Camere elette con sistema di secondo livello: e' cosi' in Francia, Belgio e Spagna. Io sono favorevole alla soluzione che demanda la decisione alla Consulta sia sull'immunita' sia sui titoli di accesso al Parlamento. Lo scandalo non e' l'immunita' dei parlamentari, quello che e' scandaloso e' l'uso che il Parlamento ne ha fatto in molte circostanze. Capisco che una soluzione del genere appesantirebbe il lavoro dei giudici costituzionali, ma ne guadagnerebbe molto la democrazia parlamentare''. Il presidente dei democratici al Senato spiega poi che sulla riforma del Senato ''la discussione e il dibattito ci sono stati, lunghi e approfonditi. Il Parlamento deve prendersi le sue responsabilita'. Il Parlamento non vive in una bolla, deve tener conto che i tempi legati ai bisogni del Paese sono scaduti da molti anni''. Sulla sostituzione di Corradino Mineo in Commissione I spiega: ''Premetto che io sono andato in prima commissione al posto di Minniti, Mineo era supplente di Minniti. Era assolutamente necessario, vista la delicatezza e l'importanza della materia trattata, che i commissari fossero tutti titolari: da qui le tre sostituzioni. C'e' poi l'esigenza che, per quanto possibile, le commissioni rispettino le stesse proporzioni dell'Aula, fermo restando il piu' completo rispetto dell'articolo 67 della Costituzione''. In merito all'Italicum, che approdera' in Senato dopo la riforma, Zanda si augura che ''venga salvato il ballottaggio, che vengano abbassate le soglie di ingresso e alzata quella deldel 37 e che venga introdotta una seria alternanza di genere''. E conclude: tra le preferenze e i collegi? '' Io preferisco i collegi''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia