martedì 21 febbraio | 19:57
pubblicato il 12/giu/2014 17:36

Riforme: Zanda da epuratore a pontiere, lunedi' incontra 'dissidenti' Pd

Riforme: Zanda da epuratore a pontiere, lunedi' incontra 'dissidenti' Pd

(ASCA) - Roma, 12 giu 2014 - Una breve telefonata, per confermare la volonta' di un incontro chiarificatore con i senatori 'dissidenti' del Pd che dal fronte delle riforme istituzionali rischiano ora di 'esondare' in ben altri ambiti. E' quella che il presidente dei senatori democratici, Luigi Zanda ha fatto oggi al senatore Vannino Chiti, capofila dei parlamentari Pd che si sono autosospesi in segno di protesta per la rimozione di Corradino Mineo, Vannino Chiti e Luciano Pizzetti da membri effettivi della commissione Affari costituzionali e la loro sostituzione con lo stesso Zanda, con Roberto Cociancich e Maurizio Migliavacca, opportunamente espressione di radici renziane e bersaniane. Un incontro chiarificatore con i 13 dissidenti autosospesi (che nel frattempo si sarebbero arricchiti di un nuovo senatore, Francesco Giacobbe), che probabilmente avverra' lunedi' prossimo, 16 giugno, in tempo per l'assemblea del gruppo dei democratici, convocata per il giorno dopo a Palazzo Madama.

I contatti con Chiti non sono mai venuti meno, a quanto si apprende. Anche nella giornata di ieri, che si e' conclusa con la riunione dell'ufficio di presidenza della commissione che ha portato all''epurazione' dei senatori, Zanda ha avuto piu' contatti con lui, anche per informarlo della linea che si era delineata con sempre maggiore evidenza nel partito.

Che la richiesta di un passo cosi' definitivo come l'allontanamento dei senatori dalla commissione giunga dal vertice del partito non e' un mistero. Come anche la volonta' di portare a termine il processo riformatore nel suo passaggio al Senato in tempi ristrettissimi e nella formulazione proposta. Sull'eventualita' che nel merito le cose possano cambiare ci sono moltissime perplessita', anche se c'e' da registrare una non si sa quanto diplomatica 'mano tesa' da parte del vicepresidente del gruppo, Stefano Lepri, che pure tra mille distinguo conclude un suo comunicato con un'apertura per ''un ulteriore supplemento di confronto e mediazione sui contenuti delle riforme'', in nome della ''grande stima'' per i colleghi. Si tratta ora di vedere a quali conseguenze possa portare tutto questo grande trambusto, che ha offerto gran paglia per il fuoco delle polemiche anche dagli altri partiti e dalle opposizioni. Se cioe' saranno trovati i modi giusti per riportare il dissenso che da specifico minaccia di richiamare in causa i rapporti interni al partito, nei binari del fisiologico, anche violento, dibattito interno. Per il momento si cerca di dare tempo al tempo. Vannino Chiti e' rientrato a Pistoia, cosi' come altri senatori, complice il week end, stanno lasciando la capitale.

L'assemblea nazionale del Pd di sabato convocata per fare il punto dopo le elezioni e sostituire gli incarichi lasciati liberi dagli eletti, potra' essere un primo punto di incontro per misurare lo stato d'animo del partito. Sara' anche l'occasione per un intervento del segretario Renzi che potrebbe essere indicativo.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Guerini: scissione Pd? Credo nei miracoli. Ci stiamo lavorando
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia