mercoledì 07 dicembre | 21:37
pubblicato il 21/nov/2013 15:51

Riforme: Upi, con Province stazioni appaltanti uniche 30 mld di risparmi

(ASCA) - Roma, 21 nov - ''L'economista Gustavo Piga ieri ci ha spiegato che riorganizzare le oltre 10 mila stazioni appaltanti esistenti e unificarle nelle 107 Province produrrebbe un risparmio di oltre 32 miliardi di euro, il 2% del PIL, il 21% della spesa pubblica, e senza toccare un posto di lavoro. Un Paese che vuole avviare davvero un'operazione di cancellazione degli sprechi e di efficientamento della spesa non puo' trascurare queste cifre''. Lo dichiara il Presidente dell'Upi, Antonio Saitta, annunciando la presentazione di un emendamento al Disegno di Legge sulle Province e le Citta' metropolitane. ''Come ha sottolineato il Prof. Piga, razionalizzare le stazioni appaltanti sarebbe strategico per operare quella gestione degli sprechi cui si appresta a lavorare il Commissario per la spending review Carlo Cottarelli. Centralizzare il tutto a livello statale avrebbe un effetto territoriale perverso mentre le Regioni, che sono forti dal punto di vista della legislazione e programmazione, non possono gestire funzioni amministrative operative. Parcellizzare sui Comuni, poi, non produrrebbe alcun effetto in termini di economia di scala. Le Province invece dispongono di uffici tecnici altamente qualificati che gia' operano nella gestione degli appalti a livello territoriale e a supporto dei Comuni, come succede per esempio con i contratti dei global service per la gestione delle scuole. Si tratterebbe di costituire 107 stazioni appaltanti, tra l'altro facilmente controllabili dalle 107 Ragionerie periferiche, capaci di esaltare le piccole e medie imprese locali. Siamo certi che la Commissione Affari Costituzionali che sta lavorando con molta attenzione al Disegno di legge del Governo e che dovra' stabilire quali funzioni assegnare alle Province, vorra' accogliere questa nostra proposta, dimostrando che la volonta' politica che detta la riforma non e' quella di rispondere a slogan ma di riorganizzare davvero al meglio l'amministrazione del paese''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Comitato del No: sarebbe bene Colle ci convocasse a consultazioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni