domenica 04 dicembre | 09:14
pubblicato il 11/apr/2016 17:06

Riforme, ultimo passaggio alla Camera tra banchi vuoti e proteste

Probabile seduta-fiume e rischio imboscate notturne da opposizioni

Riforme, ultimo passaggio alla Camera tra banchi vuoti e proteste

Roma, 11 apr. (askanews) - La riforma costituzionale del Senato e del Titolo V celebra il sesto e ultimo passaggio parlamentare in un'Aula di Montecitorio quasi deserta. Per l'ultima discussione prima del voto finale, infatti, i deputati presenti oggi sono stati all'incirca una trentina e anche i banchi del governo erano palesemente spogli, con i soli sottosegretari Sesa Amici e Luciano Pizzetti a fare le veci dell'esecutivo.

Il dibattito è iniziato questa mattina con le proteste delle opposizioni che hanno chiesto un rinvio del voto e ottenuto solo la convocazione di una conferenza dei capigruppo. Ma per tutta la giornata sono rimasti a parlare in pochi. Gli iscritti a parlare erano in tutto 22 ma alcuni si sono ritirati, per protesta. Come la Lega che ha annunciato che diserterà il dibattito anche per non dare soddisfazione al premier che ha annunciato in più occasioni il suo intervento in Aula perchè questa è una "giornata storica". "Non intendiamo prestarci allo squallido gioco di Renzi in cerca di visibilità mediatica. Sappia, il presidente del Consiglio mai eletto, che il Parlamento non è una succursale della direzione del Pd", ha scandito il capogruppo leghista, Massimiliano Fedriga.

Diserteranno l'intervento di Renzi anche i deputati del Movimento 5 stelle: "Passate a Montecitorio alle 17. Mentre il Presidente del Consiglio delle banche parlerà dentro noi staremo fuori con un megafono". E' l'invito lanciato via twitter da Alessandro Di Battista.

Polemica anche Sel con Arturo Scotto: "Renzi sbarca qui senza aver ascoltato il dibattito e dopo aver detto che l'opposizione si è comportata in modo antidemocratico". Anche per Forza Italia questa riforma rischia di essere "anticostituzionale" perchè la maggioranza in Parlamento è stata dichiarata illegittima dalla Consulta che ha bocciato la legge elettorale.

Ad esarcebare gli animi delle opposizioni è stata la determinazione del Pd ad ottenere il voto finale entro questa settimana. Le opposizioni infatti, M5S e Sel in particolare, avevano chiesto il rinvio del voto di una settimana, i primi per far votare al Senato la mozione di sfiducia al governo, i secondi perchè volevano dedicarsi alla campagna referendaria sulle trivelle che si concluderà con il voto di domenica. Ma la maggioranza ha risposto no e si dovrebbe cominciare a votare domani pomeriggio con il rischio un voto in notturna se le opposizioni metteranno in pratica l'ostruzionismo iscrivendosi in blocco per dichiarazione di voto. Stasera a fine seduta si riunirà la conferenza dei capigruppo anche per fissare il calendario dei lavori, con una probabile seduta-fiume le opposizioni costringeranno la maggioranza a restare in Aula a oltranza per evitare il rischio di imboscate notturne sul voto. Voto che potrebbe slittare a questo punto da domani a mercoledì se non addirittura a giovedì mattina.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari