sabato 21 gennaio | 01:47
pubblicato il 11/apr/2016 17:06

Riforme, ultimo passaggio alla Camera tra banchi vuoti e proteste

Probabile seduta-fiume e rischio imboscate notturne da opposizioni

Riforme, ultimo passaggio alla Camera tra banchi vuoti e proteste

Roma, 11 apr. (askanews) - La riforma costituzionale del Senato e del Titolo V celebra il sesto e ultimo passaggio parlamentare in un'Aula di Montecitorio quasi deserta. Per l'ultima discussione prima del voto finale, infatti, i deputati presenti oggi sono stati all'incirca una trentina e anche i banchi del governo erano palesemente spogli, con i soli sottosegretari Sesa Amici e Luciano Pizzetti a fare le veci dell'esecutivo.

Il dibattito è iniziato questa mattina con le proteste delle opposizioni che hanno chiesto un rinvio del voto e ottenuto solo la convocazione di una conferenza dei capigruppo. Ma per tutta la giornata sono rimasti a parlare in pochi. Gli iscritti a parlare erano in tutto 22 ma alcuni si sono ritirati, per protesta. Come la Lega che ha annunciato che diserterà il dibattito anche per non dare soddisfazione al premier che ha annunciato in più occasioni il suo intervento in Aula perchè questa è una "giornata storica". "Non intendiamo prestarci allo squallido gioco di Renzi in cerca di visibilità mediatica. Sappia, il presidente del Consiglio mai eletto, che il Parlamento non è una succursale della direzione del Pd", ha scandito il capogruppo leghista, Massimiliano Fedriga.

Diserteranno l'intervento di Renzi anche i deputati del Movimento 5 stelle: "Passate a Montecitorio alle 17. Mentre il Presidente del Consiglio delle banche parlerà dentro noi staremo fuori con un megafono". E' l'invito lanciato via twitter da Alessandro Di Battista.

Polemica anche Sel con Arturo Scotto: "Renzi sbarca qui senza aver ascoltato il dibattito e dopo aver detto che l'opposizione si è comportata in modo antidemocratico". Anche per Forza Italia questa riforma rischia di essere "anticostituzionale" perchè la maggioranza in Parlamento è stata dichiarata illegittima dalla Consulta che ha bocciato la legge elettorale.

Ad esarcebare gli animi delle opposizioni è stata la determinazione del Pd ad ottenere il voto finale entro questa settimana. Le opposizioni infatti, M5S e Sel in particolare, avevano chiesto il rinvio del voto di una settimana, i primi per far votare al Senato la mozione di sfiducia al governo, i secondi perchè volevano dedicarsi alla campagna referendaria sulle trivelle che si concluderà con il voto di domenica. Ma la maggioranza ha risposto no e si dovrebbe cominciare a votare domani pomeriggio con il rischio un voto in notturna se le opposizioni metteranno in pratica l'ostruzionismo iscrivendosi in blocco per dichiarazione di voto. Stasera a fine seduta si riunirà la conferenza dei capigruppo anche per fissare il calendario dei lavori, con una probabile seduta-fiume le opposizioni costringeranno la maggioranza a restare in Aula a oltranza per evitare il rischio di imboscate notturne sul voto. Voto che potrebbe slittare a questo punto da domani a mercoledì se non addirittura a giovedì mattina.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4