sabato 10 dicembre | 12:18
pubblicato il 08/apr/2014 20:07

Riforme: senatori Pd, ok entro 25 maggio ma modifiche non siano tabu'

(ASCA) - Roma, 8 apr 2014 - ''Condividiamo le parole del capogruppo Zanda che richiamandoci al senso di responsabilita' ci ha invitato ad approvare in prima lettura la riforma del Senato entro il 25 maggio. E' un obiettivo ambizioso su cui non solo i senatori ma tutto il Partito Democratico e la classe politica di questo Paese si gioca una grossa fetta della propria credibilita' di fronte ai cittadini''. Cosi' inizia la dichiarazione del gruppo senatori gia' promotori del documento dei 25. ''Il ddl che il Governo intende presentare - proseguono - segna una forte discontinuita' con il passato e indica una direzione ambiziosa da intraprendere: siamo fiduciosi che non mancheranno i tempi e i margini per emendare in maniera significativa un testo che, ad oggi, presenta alcuni margini di miglioramento: sulle funzioni del nuovo Senato e riforma del titolo V, ad esempio, si puo' e si deve trovare il modo di dare risposta a legittima aspirazione delle regioni di essere architrave di uno stato piu' efficiente e con meno burocrazia. Confermiamo la volonta' di essere ''facilitatori'' di un processo che riesca a trovare un punto di incontro con chi, in queste settimane, ha offerto un contributo significativo al dibattito: pensiamo a Vannino Chiti e a a coloro che hanno presentato un proposta da cui e' sicuramente possibile trarre ipotesi migliorative del testo licenziato dall'esecutivo''. ''Pensiamo, pero' - continuano - anche alle parole di alcuni senatori, come Campanella e Battista, fuoriusciti dal Movimento Cinque Stelle, che, proprio nelle ultime ore hanno dichiarato la loro disponibilita' a discutere e confrontarsi su una piattaforma comune. Il punto di partenza, pero', non puo' che essere il testo approvato in maniera unanime dall'esecutivo. E da quello abbiamo intenzione di iniziare il nostro lavoro e la nostra riflessione. Ma crediamo, allo stesso tempo, che qualunque cambiamento migliorativo non debba essere percepito come un tabu' o come il tentativo di sabotare l'impianto delle riforme. E su questo punto siamo pronti a lanciare il guanto di sfida sia a Forza Italia che al Movimento 5 Stelle: noi ci candidiamo a essere protagonisti di uno storico processo riformatore che dara' all'Italia istituzioni piu' efficienti, meno burocratizzate e con processi decisionali piu' snelli. A loro il compito di dimostrare che sono e vogliono essere partecipi di questo cambiamento e non solo frenatori di professione, come, purtroppo, troppo spesso appare dalle dichiarazioni che rilasciano'', concludono i senatori PD. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina