domenica 22 gennaio | 21:09
pubblicato il 08/apr/2014 20:07

Riforme: senatori Pd, ok entro 25 maggio ma modifiche non siano tabu'

(ASCA) - Roma, 8 apr 2014 - ''Condividiamo le parole del capogruppo Zanda che richiamandoci al senso di responsabilita' ci ha invitato ad approvare in prima lettura la riforma del Senato entro il 25 maggio. E' un obiettivo ambizioso su cui non solo i senatori ma tutto il Partito Democratico e la classe politica di questo Paese si gioca una grossa fetta della propria credibilita' di fronte ai cittadini''. Cosi' inizia la dichiarazione del gruppo senatori gia' promotori del documento dei 25. ''Il ddl che il Governo intende presentare - proseguono - segna una forte discontinuita' con il passato e indica una direzione ambiziosa da intraprendere: siamo fiduciosi che non mancheranno i tempi e i margini per emendare in maniera significativa un testo che, ad oggi, presenta alcuni margini di miglioramento: sulle funzioni del nuovo Senato e riforma del titolo V, ad esempio, si puo' e si deve trovare il modo di dare risposta a legittima aspirazione delle regioni di essere architrave di uno stato piu' efficiente e con meno burocrazia. Confermiamo la volonta' di essere ''facilitatori'' di un processo che riesca a trovare un punto di incontro con chi, in queste settimane, ha offerto un contributo significativo al dibattito: pensiamo a Vannino Chiti e a a coloro che hanno presentato un proposta da cui e' sicuramente possibile trarre ipotesi migliorative del testo licenziato dall'esecutivo''. ''Pensiamo, pero' - continuano - anche alle parole di alcuni senatori, come Campanella e Battista, fuoriusciti dal Movimento Cinque Stelle, che, proprio nelle ultime ore hanno dichiarato la loro disponibilita' a discutere e confrontarsi su una piattaforma comune. Il punto di partenza, pero', non puo' che essere il testo approvato in maniera unanime dall'esecutivo. E da quello abbiamo intenzione di iniziare il nostro lavoro e la nostra riflessione. Ma crediamo, allo stesso tempo, che qualunque cambiamento migliorativo non debba essere percepito come un tabu' o come il tentativo di sabotare l'impianto delle riforme. E su questo punto siamo pronti a lanciare il guanto di sfida sia a Forza Italia che al Movimento 5 Stelle: noi ci candidiamo a essere protagonisti di uno storico processo riformatore che dara' all'Italia istituzioni piu' efficienti, meno burocratizzate e con processi decisionali piu' snelli. A loro il compito di dimostrare che sono e vogliono essere partecipi di questo cambiamento e non solo frenatori di professione, come, purtroppo, troppo spesso appare dalle dichiarazioni che rilasciano'', concludono i senatori PD. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4