martedì 21 febbraio | 01:47
pubblicato il 05/ago/2014 18:48

Riforme, Senato approva articolo 16, stop ai decreti omnibus

 (ASCA) - Roma, 5 ago 2014 - Il Senato ha approvato con 205 voti a favore, 34 contrari e 9 astenuti l'articolo 16 della riforma costituzionale che modifica la disciplina dei decreti leggi introducendo un sostanziale divieto ai cosiddetti decreti omnibus, cioe' quelli che contengono norme su materie non omogenee. La modifica costituzionale prevede infatti che "i decreti recano misure di immediata applicazione e di contenuto specifico, omogeneo e corrispondente al titolo". Inoltre si stabiliscono tempi certi per l'esame dei decreti da parte del Senato nelle materie di sua competenza: trenta giorni di tempo dalla presentazione alla Camera e modifiche decise entro dieci giorni dalla data di trasmissione del testo. Infine la riforma introduce anche il divieto anche per il Parlamento di trasformarli in decreti omnibus laddove predispone che "nel corso dell'esame di disegni di legge di conversione in legge dei decreti-legge non possono essere approvate disposizioni estranee all'oggetto o alle finalita' del decreto". Gal

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia