domenica 26 febbraio | 13:43
pubblicato il 24/mar/2014 14:56

Riforme: Saitta, o si parte dai dati o e' solo operazione comunicazione

Riforme: Saitta, o si parte dai dati o e' solo operazione comunicazione

(ASCA) - Roma, 24 mar 2014 - Una spesa pubblica fortemente centralizzata, concentrata per il 60% nelle amministrazioni centrali e solo per l'1% nelle Province e l'8% nei Comuni; Regioni a Statuto speciale che costano ad ogni cittadino 10 volte di piu' delle Regioni ordinarie; un federalismo mai completato, che ha fatto aumentare la spesa centrale di 100 miliardi di euro e quella regionale di quasi 40 miliardi di euro; il costo delle societa' partecipate e degli enti strumentali che in un anno di tagli drammatici ai bilanci degli enti locali, e' aumentato di oltre 1 miliardo. Questi i dati piu' significativi raccolti nel Dossier dell'Upi ''Riformare le istituzioni locali, le cifre reali di un percorso'' aggiornati al marzo 2014 e che saranno inviati al Governo e al Parlamento.

''E' da questi numeri - sottolinea il Presidente dell'Upi Antonio Saitta - che si puo' e si deve partire per operare quella razionalizzazione della spesa pubblica che tutti sentiamo come indispensabile e da cui si devono trovare i risparmi necessari per assicurare risorse per i servizi ai cittadini. Anche a partire dalle cifre vere sul costo degli organi istituzionali, che confermano che tagliando la politica provinciale si colpisce la spesa inferiore: gli organi delle province infatti nel 2013 sono costati 1 euro e 31 centesimi l'anno a cittadini, quelli delle Regioni invece 13 euro e 95 centesimi. Ma anche nelle Regioni ci sono grandi differenze: mentre quelle a statuto ordinario per la sola spesa corrente costano in media ad ogni cittadino 426 euro l'anno, quelle a statuto speciale arrivano a 4 mila 960 euro: oltre 10 volte di piu'. Una differenza che si riscontra anche analizzando le spese dl personale: quella delle Regioni a statuto ordinario dal 2010 al 2012 e' scesa dello 0,7%, mentre quella delle Regioni a statuto speciale e' cresciuta del +38%. Nello stesso periodo la spesa per il personale delle Province e' diminuita dell'11% e quella dei Comuni del 5,2%. Vale la pena ricordare che il personale delle Regioni costa in media il 20% in piu' di quello dei Comuni e delle Province. Ma i dati su cui riteniamo urgente richiamare l'attenzione di Governo e Parlamento sono soprattutto quelli sulle societa' partecipate, i cui costi in un solo anno, mentre Province e Comuni subivano tagli drammatici, sono aumentati di oltre 1 miliardo, passando dai 7,4 miliardi del 2012 agli 8,4 miliardi del 2013. Su questi costi occorre intervenire con urgenza, razionalizzando e semplificando per operare la vera spending review di cui abbiamo bisogno e destinare le risorse a coprire le misure a sostegno del reddito e a favore dei servizi ai cittadini, dal piano per l'edilizia scolastica al fondo contro il dissesto idrogeologico. Altrimenti, se non si parte dai dati certi, questa sara' solo una operazione di comunicazione''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech