sabato 21 gennaio | 10:15
pubblicato il 24/mag/2012 20:30

Riforme/ Rush finale al Senato, si Commissione entro il 30

Slitta esame bicameralismo. Problemi tecnici, ma ok accordo

Riforme/ Rush finale al Senato, si Commissione entro il 30

Roma, 24 mag. (askanews) - Rush finale delle riforme costituzionali al Senato: in prima commissione, infatti, oggi verranno votati e approvati, salvo sorprese, tutti gli articoli che compongono la revisione della Carta, tranne due, quelli cioè che riguardano il superamento del bicameralismo perfetto e la 'sfiducia costruttiva' nei confronti del premier. Nessun inghippo, però: come hanno chiarito sia il Pd Enzo Bianco che il Pdl Gaetano Quagliariello, "l'accordo politico è ben chiaro e saldo, come dimostra l'approvazione senza intoppi del taglio del numero dei parlamentari di ieri". Quel che resta da fare, dunque, è "scrivere le norme in maniera corretta e inappuntabile", un "problema normativo che - ha precisato Bianco - verrà affrontato e sciolto nel week end", per arrivare a una approvazione del ddl completo entro la prossima settimana. "Dopotutto - è stato il ragionamento di Quagliariello - stiamo scrivendo quella che, se andrà in porto, è la più grande revisione costituzionale da quando la carta è in vigore. E' giusto fare presto, ma è anche giusto utilizzare tutto il tempo disponibile e dopo tutto la prossima settimana l'Aula di palazzo Madama sarà impegnata con la discussione del ddl lavoro". Logico quindi che i senatori abbiano chiesto e ottenuto di poter lavorare anche martedì e mercoledì della prossima settimana, a patto di riuscire a fare un "lavoro pulito", ovvero dar vita a un testo che non debba poi essere modificato. L'iter previsto per il ddl costituzionale è lungo e prevede quattro passaggi parlamentari: meglio scriverlo bene fin dall'inizio, è stata la sintesi dei senatori. Inoltre, Quagliariello ha minimizzato la portata dell'annuncio fatto di recente da Silvio Berlusconi, il quale ha detto che il segretario del Pdl, Angelino Alfano, "presenterà a breve un progetto di revisione completa della Carta". "Può esserci la necessità politica di alzare l'asticella della discussione - ha detto Quagliariello - ma nulla di quel che viene detto o fatto è detto o fatto per non fare querl che stiamo facendo ora". Nonostante non sia più in maggioranza, della partita riforme vuol essere anche la Lega. Vero che Roberto Maroni oggi è arrivato a mettere in discussione anche la stessa permanenza del Carroccio in Parlamento, ma vero anche che il deputato Giacomo Stucchi, parlando a nome del suo partito, ha annunciato che "se dei cambiamenti si approveranno, a cominciare dalla riduzione del numero dei parlamentari, la Lega Nord non si tirerà indietro e darà come sempre il suo contributo; ma quanto tempo perso in chiacchiere inutili. Se fosse passata a suo tempo la nostra riforma costituzionale avremmo già da tempo ammodernato l'architettura costituzionale e oggi, magari, ne avremmo già goduto i frutti in termini economici e di efficienza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4