sabato 10 dicembre | 08:55
pubblicato il 21/lug/2014 18:33

Riforme: Romani, modifiche? Possibili, ma a patto che siano concordate

+++Tra Fi e Pd, i due assi portanti delle riforme, con la ''partecipazione attiva di Renzi''+++.

.

(ASCA) - Roma, 21 lug 2014 - ''Ritengo che il lavoro fatto in commissione sia eccellente. Oggi il testo del ddl e' profondamente diverso rispetto alla formulazione iniziale.

Nessun miglioramento e' escluso, ed e' tecnicamente possibile. Oggi il nostro capogruppo in commissione Affari costituzionali, Donato Bruno ha parlato in Aula ad esempio di statuto delle opposizioni. Tutte le modifiche pero' vanno preventivamente concordate''. Lo ha detto il capogruppo Fi al Senato, Paolo Romani, conversando con i giornalisti a Palazzo Madama.

''Il patto per le riforme e' siglato tra i due assi portanti Pd e Fi, e le modifiche eventuali vanno concordate tra di loro, con la partecipazione attiva anche di Renzi'' ha proseguito Romani, che sui punti suscettibili di miglioramenti indicati dalla relatrice Pd, Anna Finocchiaro, relativi a referendum, elezione presidente della Repubblica, leggi di bilancio e Senato, e competenze Ue di quest'ultimo, ha parlato di ''proposte sensate'' ed ha avuto obiezioni solo per quella sull'elezione del Capo dello Stato. ''Non vorrei ampliare la platea per l'elezione del Presidente della Repubblica'' ha detto, pur confessando di essere ''intrigato'' dall'emendamento Casini, relativo al ballottaggio tra i due candidati piu' votati nel caso in cui all'ottava votazione non sia ancora raggiunta la maggioranza necessaria per l'elezione di un candidato alla presidenza.

Sull'immunita' Romani ha confessato di ''non essere minimamente interessato al tema'' . Circa infine la posizione della Lega Nord, Romani ha concluso con una battuta: ''Su questo fronte io preferisco ascoltare solo Calderoli....''.

Il capogruppo Fi non si e' sottratto alla domanda sulla posizone dei 'frondisti' di Forza Italia: ''Oggi alla richiesta di non passaggio agli articoli, tra i senatori Fi si sono registrate solo due astensioni. Detto questo nella vita e nella politica ognuno si assume le responsabilita' delle proprie scelte''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina