mercoledì 22 febbraio | 01:07
pubblicato il 20/ott/2011 17:02

Riforme/ Restano 'al palo' sia alla Camera che a Palazzo Madama

Montecitorio rinvia su art.41,stop Senato su numero parlamentari

Riforme/ Restano 'al palo' sia alla Camera che a Palazzo Madama

Roma, 20 ott. (askanews) - Le riforme, anche in questo ultimo scorcio si legislatura, restano al palo, sia a Mopntecitorio che a palazzo Madama. La Camera, questa mattina, ha infatti rinviato a data da destinarsi, con ogni probabilità la prossima settimana, l'esame in Aula della riforma costituzionale dell'articolo 41 sulla libertà d'impresa, sul quale da due giorni l'assemblea è inchiodata con i membri del Governo quasi a tempo pieno a Montecitorio. La decisione è stata assunta all'unanamità dai gruppi parlamentari che hanno comunicato alla presidenza della Camera la volontà di invertire l'ordine del giorno, soprattutto a causa del nubifragio di questa mattina a Roma, che ha reso difficile a molti deputati di ogni schieramento raggiungere Montecitorio. Al Senato, invece, è andato del tutto in cantina lo snello ddl bipartisan che 'tagliava' a 750 il numero dei parlamentari per lasciare posto al ben più corposo ddl Calderoli, che punta a riformare integralmente la struttura dello stato, introducendo il Senato delle Regioni, la distinzione di compiti tra Camera e Senato e quindi la fine del bicameralismo e l'adeguamento del numero dei parlamentari. Proprio su quest'ultimo tema, Pdl e Pd se le danno di santa ragione da ieri, ma oggi l'ennesimo strappo. Il relatore di minoranza in commissione sulla riforma, Enzo Bianco, si è infatti dimesso, un gesto che il vicepresidente dei Senatori del Pdl, Gaetano Quagliariello, ha definito "inutile". "Noi - ha chiosato il capogruppo del Pdl Maurizio Gasparri - vogliamo ridurre il numero dei parlamentari , ma farlo con un Parlamento migliore e più efficace". Nessun timore per i tempi: secondo i vertici della maggioranza al Senato, infatti, "se c'è la volontà politica, il ddl del governo si può approvare prima della pausa estiva del 2012". Qui la chiave della diatriba: per l'opposizione non c'è "nessuna volontà di farlo; è stato creato un ddl monstrum appunto per far vedere che si vuole cambiare tutto, così non si cambia nulla".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia