sabato 10 dicembre | 01:02
pubblicato il 20/ott/2011 17:02

Riforme/ Restano 'al palo' sia alla Camera che a Palazzo Madama

Montecitorio rinvia su art.41,stop Senato su numero parlamentari

Riforme/ Restano 'al palo' sia alla Camera che a Palazzo Madama

Roma, 20 ott. (askanews) - Le riforme, anche in questo ultimo scorcio si legislatura, restano al palo, sia a Mopntecitorio che a palazzo Madama. La Camera, questa mattina, ha infatti rinviato a data da destinarsi, con ogni probabilità la prossima settimana, l'esame in Aula della riforma costituzionale dell'articolo 41 sulla libertà d'impresa, sul quale da due giorni l'assemblea è inchiodata con i membri del Governo quasi a tempo pieno a Montecitorio. La decisione è stata assunta all'unanamità dai gruppi parlamentari che hanno comunicato alla presidenza della Camera la volontà di invertire l'ordine del giorno, soprattutto a causa del nubifragio di questa mattina a Roma, che ha reso difficile a molti deputati di ogni schieramento raggiungere Montecitorio. Al Senato, invece, è andato del tutto in cantina lo snello ddl bipartisan che 'tagliava' a 750 il numero dei parlamentari per lasciare posto al ben più corposo ddl Calderoli, che punta a riformare integralmente la struttura dello stato, introducendo il Senato delle Regioni, la distinzione di compiti tra Camera e Senato e quindi la fine del bicameralismo e l'adeguamento del numero dei parlamentari. Proprio su quest'ultimo tema, Pdl e Pd se le danno di santa ragione da ieri, ma oggi l'ennesimo strappo. Il relatore di minoranza in commissione sulla riforma, Enzo Bianco, si è infatti dimesso, un gesto che il vicepresidente dei Senatori del Pdl, Gaetano Quagliariello, ha definito "inutile". "Noi - ha chiosato il capogruppo del Pdl Maurizio Gasparri - vogliamo ridurre il numero dei parlamentari , ma farlo con un Parlamento migliore e più efficace". Nessun timore per i tempi: secondo i vertici della maggioranza al Senato, infatti, "se c'è la volontà politica, il ddl del governo si può approvare prima della pausa estiva del 2012". Qui la chiave della diatriba: per l'opposizione non c'è "nessuna volontà di farlo; è stato creato un ddl monstrum appunto per far vedere che si vuole cambiare tutto, così non si cambia nulla".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina