venerdì 20 gennaio | 09:50
pubblicato il 20/ott/2011 17:02

Riforme/ Restano 'al palo' sia alla Camera che a Palazzo Madama

Montecitorio rinvia su art.41,stop Senato su numero parlamentari

Riforme/ Restano 'al palo' sia alla Camera che a Palazzo Madama

Roma, 20 ott. (askanews) - Le riforme, anche in questo ultimo scorcio si legislatura, restano al palo, sia a Mopntecitorio che a palazzo Madama. La Camera, questa mattina, ha infatti rinviato a data da destinarsi, con ogni probabilità la prossima settimana, l'esame in Aula della riforma costituzionale dell'articolo 41 sulla libertà d'impresa, sul quale da due giorni l'assemblea è inchiodata con i membri del Governo quasi a tempo pieno a Montecitorio. La decisione è stata assunta all'unanamità dai gruppi parlamentari che hanno comunicato alla presidenza della Camera la volontà di invertire l'ordine del giorno, soprattutto a causa del nubifragio di questa mattina a Roma, che ha reso difficile a molti deputati di ogni schieramento raggiungere Montecitorio. Al Senato, invece, è andato del tutto in cantina lo snello ddl bipartisan che 'tagliava' a 750 il numero dei parlamentari per lasciare posto al ben più corposo ddl Calderoli, che punta a riformare integralmente la struttura dello stato, introducendo il Senato delle Regioni, la distinzione di compiti tra Camera e Senato e quindi la fine del bicameralismo e l'adeguamento del numero dei parlamentari. Proprio su quest'ultimo tema, Pdl e Pd se le danno di santa ragione da ieri, ma oggi l'ennesimo strappo. Il relatore di minoranza in commissione sulla riforma, Enzo Bianco, si è infatti dimesso, un gesto che il vicepresidente dei Senatori del Pdl, Gaetano Quagliariello, ha definito "inutile". "Noi - ha chiosato il capogruppo del Pdl Maurizio Gasparri - vogliamo ridurre il numero dei parlamentari , ma farlo con un Parlamento migliore e più efficace". Nessun timore per i tempi: secondo i vertici della maggioranza al Senato, infatti, "se c'è la volontà politica, il ddl del governo si può approvare prima della pausa estiva del 2012". Qui la chiave della diatriba: per l'opposizione non c'è "nessuna volontà di farlo; è stato creato un ddl monstrum appunto per far vedere che si vuole cambiare tutto, così non si cambia nulla".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Terremoti
Terremoto, Salvini in Abruzzo: chiedo a Gentiloni 100mln di euro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale