domenica 22 gennaio | 23:12
pubblicato il 29/lug/2014 20:20

Riforme: Renzi, al Senato una sceneggiata. No ai ricatti, andiamo avanti

(ASCA) - Roma, 29 lug 2014 - Quello che sta accadendo in aula al Senato e' una ''sceneggiata'' e prova che ''i senatori hanno paura di perdere la poltrona''. Lo ha scritto su facebook il presidente del consiglio Matteo Renzi, commentando lo scontro in aula al Senato sulle riforme: ''Gli italiani ci hanno chiesto di cambiare un sistema politico che non funziona piu'. Noi manteniamo la promessa, senza paura e senza mollare. Stiamo facendo le riforme perche' la politica e i politici devono cambiare. E le sceneggiate di oggi dimostrano che alcuni senatori perdono tempo per paura di perdere la poltrona. Noi andiamo avanti e alla fine saranno i cittadini con il referendum a giudicare chi avra' ragione e chi torto. La nostra determinazione e' piu' forte dei loro giochetti. Andiamo avanti pronti a discutere con tutti ma non ci faremo mai ricattare da nessuno'' Poco prima di Renzi era stata Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme, a sottolineare che il governo intende ''andare avanti'', perche' non intende cedere ''al ricatto dell'ostruzionismo''. ''Noi - ha detto Boschi conversando con i giornalisti al Senato - ci siamo dichiarati aperti a un confronto, disponibili, ma non possiamo cedere al ricatto dell'ostruzionismo. Per cui, con calma, andremo avanti, perche' gli italiani ci hanno chiesto di cambiare e noi lo faremo. Non saremo come gli altri, con il sorriso e la determinazione non ci fermiamo e andiamo avanti con le riforme''. E' legittimo sostenere un modello di Senato diverso da quello proposto dal governo, ma bisogna farlo a ''voto palese'', secondo la Boschi: ''Credo non si debba aver paura delle proprie idee: chi sostiene un modello diverso di Senato e' giusto che lo faccia a viso aperto e non si nasconda dietro al voto segreto. Il Pd non ha chiesto il voto segreto, nemmeno la maggioranza. Noi siamo disponibili a votare in modo palese''. La chiusura entro l'8 agosto e' possibile solo ''se c'e' una disponibilita' da parte delle opposizioni ad avere un confronto vero, magari anche con posizioni legittimamente diverse, ma senza questo ostruzionisimo che continuano a portare avanti che ci ha portato a fare 4 voti nell'intero pomeriggio. Noi, comunque, con calma e serenita' andiamo avanti con il nostro lavoro''. pol-tmn/dsk

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4