sabato 21 gennaio | 15:15
pubblicato il 19/giu/2014 19:43

Riforme: Renzi accetta l'apertura del M5S, ''vediamoci mercoledi'''

Riforme: Renzi accetta l'apertura del M5S, ''vediamoci mercoledi'''

(ASCA) - Roma, 19 giu 2014 - Sulle riforme ''c'e' molto da fare e non c'e' tempo da perdere. Vi propongo di vederci mercoledi' in un orario da concordare insieme''. Lo chiede il presidente del Consiglio Matteo Renzi al Movimento 5 Stelle, in una lettera inviata ai capigruppo grillini di Camera e Senato. ''Vi chiedo soltanto di conoscere meglio l'interlocutore della vostra richiesta di dialogo'', rileva Renzi spiegando che ''mi avete scritto come Presidente del Consiglio e dunque possiamo vederci a Palazzo Chigi con una delegazione dell'esecutivo. Ma avete anche evidenziato - nel vostro ragionamento - l'importanza del successo elettorale (sottolineatura di cui vi sono personalmente grato) che come e' ovvio e' un successo elettorale non del Governo, ma del Partito democratico. Se preferite confrontarvi con noi come Pd, allora organizziamo una delegazione del partito e dei gruppi parlamentari''. Nella lettera il premier ringrazia il movimento di Grillo per ''l'apertura di un dialogo franco, aperto e trasparente nell'interesse dell'Italia. La vostra lettera del 16 giugno scorso conferma che ci sono molte cose che continuano a vederci su fronti contrapposti, ma proprio per questo giudico importante che le forze politiche piu' rappresentative del Paese provino a scrivere insieme le regole del gioco''. ''Nessuno ha la verita' in tasca, tutti possono dare una mano, io almeno la penso cosi' - sottolinea Renzi -. E lavoro con determinazione per arrivare insieme a questo obiettivo comune''. Oggi, a ribadire l'apertura del Movimento 5 Stelle sulle riforme costituzionali, era interventuto direttamente il leader Beppe Grillo, che sollecitava proprio una risposta di Renzi: ''Diciamo fin da ora ai cittadini italiani che non c'e' alcuna preclusione da parte del MoVimento 5 Stelle ad affrontare anche un tavolo di trattative sulle riforme costituzionali. Vogliamo lavorarci in modo rapido e responsabile, non c'e' da parte nostra nessuna intenzione di ritardare il processo'', aveva scritto Grillo sul suo blog in un post dal titolo 'La casta non ci sta', aggiungendo che ''noi pensiamo di potere dare un contributo fondamentale alle riforme costituzionali e alla legge elettorale. Il voto di preferenza, il taglio ai costi della politica e il dimezzamento del numero dei parlamentari sono solo alcuni dei punti che mettiamo sul tavolo ignorati finora. Renzi, ci stai o no?'', chiedeva Grillo. Intanto, sul fronte dei lavori parlamentari, si e' saputo che gli emendamenti al disegno di legge di riforma costituzionale da parte dei relatori Anna Finocchiaro (Pd) e Roberto Calderoli (Lega Nord) saranno presentati domani sera. Inoltre, e' stato fissato per mercoledi' 25 giugno alle 12 il termine dei subemendamenti a quelli dei relatori. Per martedi' e' prevista la discussione sugli emendamenti dei relatori. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4