sabato 10 dicembre | 02:27
pubblicato il 20/gen/2014 19:02

Riforme: Renzi a Direzione Pd, i punti chiave della relazione (SCHEDA)

Riforme: Renzi a Direzione Pd, i punti chiave della relazione (SCHEDA)

(ASCA) - Roma, 20 gen 2014 - Di seguito l'allegato alla relazione del segretario del Pd, Matteo Renzi, davanti alla Direzione del partito, diffusa dall'ufficio stampa del partito. - Riforma del Titolo V della Costituzione.

La riforma deve prevedere l'eliminazione della materia concorrente. Ritornano di competenza statale alcune materie tra cui: grandi reti strategiche di trasporto e di navigazione nazionale e relative norme di sicurezza; produzione, trasporto e distribuzione nazionale di Energia e programmi strategici nazionali per il turismo. Per ragioni di sistema si segnala anche che contestualmente alla riforma del titolo V si procedera' all'eliminazione dei rimborsi elettorali per i consiglieri regionali e l'equiparazione dell'indennita' dei consiglieri regionali a quella del sindaco della citta' capoluogo di regione. I relativi provvedimenti devono essere presentati in Parlamento entro il 15 febbraio 2014.

- Riforma del Senato.

La riforma del Senato deve portare al superamento del bicameralismo perfetto. Il voto di fiducia al Governo spetta solo alla Camera dei Deputati. Il Senato della Repubblica viene trasformato in Camera delle autonomie, con l'eliminazione di elezione diretta dei suoi membri e di ogni forma di indennita'. La trasformazione del Senato comportera' una significativa riduzione del numero dei Parlamentari. I relativi provvedimenti devono essere presentati in Parlamento entro il 15 febbraio 2014. - Proposta di modifica del sistema elettorale.

Per la Camera dei deputati.

Il modello prevede una distribuzione dei seggi con metodo proporzionale, con l'assegnazione di un premio di maggioranza eventuale e limitato e l'attribuzione dei seggi su base nazionale. In particolare, alla lista o alla coalizione di liste che abbiano conseguito il maggior numero di voti viene attribuito un premio di maggioranza pari al 18% del totale dei seggi in palio. Tale premio tuttavia viene assegnato esclusivamente se la lista o la coalizione di liste maggiore ha conseguito almeno il 35% dei consensi. In seguito all'attribuzione del premio di maggioranza una lista o una coalizione di liste non puo' in ogni modo ottenere un numero di seggi superiore al 55%. L'eventuale parte del premio eccedente viene redistribuita fra le altre liste o coalizioni. Qualora nessuna lista o coalizione di liste raggiunga la soglia, si svolge un secondo turno di ballottaggio fra le prime due liste o coalizioni di liste.

Fra il primo e il secondo turno non sono possibili apparentamenti. Alla lista o coalizione di liste che risulta vincitrice viene attribuito un premio di maggioranza pari al 53% del totale dei seggi in palio. I restanti seggi vengono distribuiti proporzionalmente a tutte le altre liste e coalizioni di liste. Le soglie di sbarramento sono pari al 12% per le coalizioni, al 5% per le liste coalizzate e all'8% per le liste non coalizzate. Sono introdotti criteri per evitare il fenomeno delle cosiddette 'liste civetta', mentre i seggi vengono distribuiti su circoscrizioni molto piccole (da 4 a 5 seggi in palio al massimo), in modo che i nominativi dei candidati possano essere stampati direttamente sulla scheda. Le liste sono bloccate e corte, per cui vale l'ordine di presentazione in lista ai fini dell'attribuzione dei seggi utilizzando criteri che garantiscano il riequilibrio di genere.

Per il Senato della Repubblica.

Fermo restando l'impegno ad eliminare l'elezione diretta dei membri del Senato, tuttavia, quale ''clausola di salvaguardia'', occorre inserire delle disposizioni medio tempore applicabili anche per il Senato. Per il Senato sono quindi stabilite le medesime modalita' di assegnazione dei seggi, con le stesse percentuali e soglie di sbarramento della Camera. Per garantire l'elezione a base regionale prevista dall'articolo 57 della Costituzione e' stabilito un metodo che assicuri l'attribuzione dei seggi anche del premio sul base interamente regionale. Piu' in generale, l'impianto delle norme per il Senato e' analogo a quello per la Camera.

La discussione sul testo normativo deve essere iniziata in Aula alla Camera entro il 27 gennaio 2014.

com-brm/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina