domenica 26 febbraio | 07:21
pubblicato il 27/apr/2016 17:45

Riforme, radicali contro plebiscito, chiedono referendum parziali

Magi lancia la campagna sul sito "vogliamoscegliere.it"

Riforme, radicali contro plebiscito, chiedono referendum parziali

Roma, (askanews) - Il Partito radicale promuove la richiesta di svolgere referendum parziali o per parti separate sulla riforma costituzionale. L'iniziativa è stata presentata alla Camera dal segretario dei radicali italiani Riccardo Magi, che ha spiegato:

"Il rischio è che una fase importante come quella di revisione costituzionale si sta già trasformando in un plebiscito Renzi sì-Renzi no. La soluzione c'è per tutelare la libertà di scelta dei cittadini ed è quella di sottoporre al voto quesiti parziali o per parti separate della riforma. Altrimenti si voterà in blocco su abolizione del Cnel, riforma del Senato e riforma dell'istituto referendario. Questo a nostro avviso è incostituzionale. Noi quindi proporremo referendum per parti separate".

I radicali hanno quindi avviato una campagna per la libertà di voto attraverso il sito vogliamoscegliere.it.

Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech