martedì 28 febbraio | 14:13
pubblicato il 15/ott/2013 10:36

Riforme: Quagliariello, ineludibili e essenziali per stabilita' Paese

Riforme: Quagliariello, ineludibili e essenziali per stabilita' Paese

(ASCA) - Roma, 15 ott - Il tema delle riforme istituzionali ''e' ineludibile'' specialmente alla luce delle difficolta' che attraversa il nostro Paese rispetto alle altre democrazie occidentali, alle cui cause ''non e' estranea la sua debolezza istituzionale''. Lo ha detto il ministro delle Riforme, Gaetano Qugliariello nell'informativa alla Camera sul lavoro della commissione dei saggi sulle riforme costituzionali.

''A differenza di altre grandi democrazie occidentali che nel corso degli anni hanno affrontato profondi processi di riforme, il nostro Paese si e' trovato privo di strumenti per decidere, in un quadro internazionale sempre piu' concorrenziale - ha sottolineato Quagliariello -. La commissione ha rinvenuto nell'incapacita' di esprimere nel lungo periodo un indirizzo politico stabile e radicato nel consenso del corpo sociale uno dei principali elementi di criticita', direttamente connesso a un processo di indebolimento dei partiti politici''.

''L'incapacita' di esprimere un quadro politico stabile e' dunque uno dei motivi principali di instabilita' - ha proseguito il ministro -. I partiti, senza i quali un sistema democratico non e' concepibile, sono in difficolta', non sono piu' in grado di elaborare strategie di grande respiro. Negli ultimi 20 anni si e' coltivata l'illusione che bastasse una riforma della legge elettorale, spingendo a formule di alternanaza, ma senza nulla incidere sull'efficienza. Con il risultato che nella seconda Repubblica i governi durano un po' di piu', ma neanche tanto, ma esprimono una minore capacita' esecutiva e di realizzazione che nella prima Repubblica''.

Per Quagliariello dunque solo ''un'adeguata revisione della seconda parte della Costituzione e' condizione necessaria per restituire credibilita' e autorevolezza al corpo politico'', per affrontare ''con successo le sfide che abbiamo davanti e agganziare i segnali di ripresa economica che assai flebili si stanno presentando''. Un fallimento delle riforme, ha concluso Quagliariello ''produrrebbe nuova instabilita' e confermerebbe le anomalie che hanno impedito al nostro Paese di divenire una democrazia dell'alternanza''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech