martedì 06 dicembre | 01:59
pubblicato il 15/ott/2013 10:36

Riforme: Quagliariello, ineludibili e essenziali per stabilita' Paese

Riforme: Quagliariello, ineludibili e essenziali per stabilita' Paese

(ASCA) - Roma, 15 ott - Il tema delle riforme istituzionali ''e' ineludibile'' specialmente alla luce delle difficolta' che attraversa il nostro Paese rispetto alle altre democrazie occidentali, alle cui cause ''non e' estranea la sua debolezza istituzionale''. Lo ha detto il ministro delle Riforme, Gaetano Qugliariello nell'informativa alla Camera sul lavoro della commissione dei saggi sulle riforme costituzionali.

''A differenza di altre grandi democrazie occidentali che nel corso degli anni hanno affrontato profondi processi di riforme, il nostro Paese si e' trovato privo di strumenti per decidere, in un quadro internazionale sempre piu' concorrenziale - ha sottolineato Quagliariello -. La commissione ha rinvenuto nell'incapacita' di esprimere nel lungo periodo un indirizzo politico stabile e radicato nel consenso del corpo sociale uno dei principali elementi di criticita', direttamente connesso a un processo di indebolimento dei partiti politici''.

''L'incapacita' di esprimere un quadro politico stabile e' dunque uno dei motivi principali di instabilita' - ha proseguito il ministro -. I partiti, senza i quali un sistema democratico non e' concepibile, sono in difficolta', non sono piu' in grado di elaborare strategie di grande respiro. Negli ultimi 20 anni si e' coltivata l'illusione che bastasse una riforma della legge elettorale, spingendo a formule di alternanaza, ma senza nulla incidere sull'efficienza. Con il risultato che nella seconda Repubblica i governi durano un po' di piu', ma neanche tanto, ma esprimono una minore capacita' esecutiva e di realizzazione che nella prima Repubblica''.

Per Quagliariello dunque solo ''un'adeguata revisione della seconda parte della Costituzione e' condizione necessaria per restituire credibilita' e autorevolezza al corpo politico'', per affrontare ''con successo le sfide che abbiamo davanti e agganziare i segnali di ripresa economica che assai flebili si stanno presentando''. Un fallimento delle riforme, ha concluso Quagliariello ''produrrebbe nuova instabilita' e confermerebbe le anomalie che hanno impedito al nostro Paese di divenire una democrazia dell'alternanza''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari