domenica 22 gennaio | 01:30
pubblicato il 12/apr/2013 15:45

Riforme: Quagliariello, da saggi piena legittimazione tesi centrodestra

Riforme: Quagliariello, da saggi piena legittimazione tesi centrodestra

(ASCA) - Roma, 12 apr - Il lavoro dei saggi ha nei fatti riconosciuto piena legittimazione alle posizioni e alle tesi del centrodestra. Lo sottolinea Gaetano Quagliariello, senatore del PdL e componente del gruppo di lavoro politico-istituzionale che ha consegnato oggi la relazione al presidente Napolitano.

''Sul piano delle riforme istituzionali, alla proposta semipresidenziale e' stata riconosciuta pari dignita', e anche l'opzione alternativa di un sistema parlamentare razionalizzato e' andata nell'indirizzo di un rafforzamento delle prerogative del premier - osserva Quagliariello -; e' stato riconosciuto il nesso inscindibile tra legge elettorale e forma di governo; e' stata condivisa la necessita' di correggere il Titolo V e completare il federalismo fiscale secondo l'impostazione data dal governo Berlusconi. Sul piano dei regolamenti e' stato ampiamente condiviso l'impianto al quale il centrodestra aveva dato un determinante contributo nella scorsa legislatura''. ''Ma il capitolo nel quale piu' significativa e' risultata la piena legittimazione di importanti posizioni fin qui oggetto di pregiudizio - osserva Quagliariello - e' quello della giustizia: se in un documento istituzionale condiviso si parla di equilibrio fra i poteri e limiti alla giurisprudenza creativa, di norme piu' stringenti per l'avvio e la durata delle indagini e di riforma delle intercettazioni, di regole piu' rigorose per i rapporti tra magistratura e mezzi di comunicazione, per la candidatura dei magistrati e per la collocazione in fuori ruolo, di inappellabilita' delle sentenze di assoluzione seppur nei limiti imposti dalla Corte Costituzionale; se si suggerisce l'istituzione di una Corte 'non domestica' per i procedimenti disciplinari in secondo e ultimo grado e la sottrazione alla spartizione correntizia della struttura amministrativa del Csm; se si propongono misure per la effettivita' delle garanzie, per un piu' stretto controllo giudiziario sui provvedimenti cautelari, per la deflazione del processo penale e contro il sovraffollamento carcerario; se si insiste sull'efficienza della giustizia civile, sulla risoluzione extragiudiziale delle controversie, sul potenziamento di giudici di pace e magistrati onorari; se si afferma che le leggi sul conflitto di interessi non devono e non possono essere contra personam; se accade tutto questo, non sta a me dire se e quanto il lavoro oggi compiuto potra' essere di aiuto alla soluzione della crisi politica che stiamo vivendo''.

''Il centrodestra - conclude - e' un'area politica pienamente legittimata e il PdL si conferma come una forza portatrice di posizioni orientate alla ricerca del bene comune, anche e soprattutto sul terreno nel quale piu' forti sono sempre stati i pregiudizi nei nostri confronti''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4