sabato 25 febbraio | 10:44
pubblicato il 12/giu/2013 19:33

Riforme: Quagliariello, da commissione sintesi poi scelte sono politiche

Riforme: Quagliariello, da commissione sintesi poi scelte sono politiche

+++Da commissione legittimita' al processo di riforma. I critici ci accusano di tirare per le lunghe e di fare troppo in fretta, si decidano+++.

.

(ASCA) - Roma, 12 giu - ''La commissione ha il compito di preparare un relazione, sulla quale si porra' poi il problema delle scelte politiche, che spettano ai partiti, ai gruppi politici e al governo''. Lo ha detto il ministro per le Riforme, Gaetano Quagliariello, al termine della prima giornata di lavoro del comitato dei 40 sulle riforme istituzionali.

''Al Parlamento verra' proposta una relazione sul tipo di quella prodotta dalla commissione Balladur. Diciamo che dalla relazione a un articolato il compito sara' molto agevole. Ma il nostro non e' un prodotto finito, piuttosto un semilavorato''.

Un semilavorato i cui contorni, anche temporali di produzione, vanno chiariti senza tentennamenti. ''Non vogliamo dare neppure l'impressione di cincischiare sulle riforme - spiega ancora il ministro che cosi' risponde alle critiche, anche dal suo partito, sull'opportunita' di indicare in 4 mesi il tempo massimo per giungere a sintesi -.

Una cosa sono i tempi per chiudere i processi di riforma, altra cosa sono i tempi della decisione politica. Dobbiamo dire ai cittadini che modificare la Costituzionale non e' come modificare il regolamento del condominio, ma dobbiamo anche chiarire che questa volta i tempi non sono infiniti, ma anzi ben determinati''.

Sulla scelta di procedere con una commissione per le riforme, e sulle critiche che tale scelta ha suscitato, Quagliariello osserva: ''Non capisco come, sempre dalle stesse fonti, giungano due accuse contrastanti: quella di voler prendere tempo e l'altra di voler fare troppo presto.

Si decidano''.

''Questa scelta e' attinente alla necessita' di dare legittimita' a questo processo - aggiunge il ministro - e e ampliare la categoria della classe dirigente. Il fatto che vi siano tutte le correnti del pensiero costituzionale italiano legittima questo processo di riforma. Non e' l'unica cosa che faremo in questo senso. Ad esempio vogliamo accedere alla consultazione pubblica, interpellare la rete'' sia pure con i dovuti meccanismi. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech