domenica 04 dicembre | 17:13
pubblicato il 24/lug/2013 19:38

Riforme: Quagliariello, approvare sia ddl costituzionale che ddl partiti

Riforme: Quagliariello, approvare sia ddl costituzionale che ddl partiti

(ASCA) - Roma, 24 lug - ''Chiamato in Commissione Affari Costituzionali a causa della contemporanea presenza in calendario di due provvedimenti entrambi inerenti la materia istituzionale, il Governo, nella persona del ministro Quagliariello, ha ribadito che auspica la conclusione dell'esame da parte della Camera tanto del disegno di legge costituzionale che fissa l'iter delle riforme, quanto del disegno di legge sul finanziamento dei partiti, e che affinche' cio' avvenga prima della pausa estiva e' pienamente disponibile a contribuire nei modi e nei tempi che la Commissione decidera' allo svolgimento di un esame completo ed esaustivo dei progetti di legge all'esame della Commissione stessa''. E' quanto si legge in una nota dell'ufficio stampa del ministero per le Riforme costituzionali. ''Il Governo inoltre - prosegue la nota -, chiamato a esprimere un parere circa l'ordine di esame fra i due provvedimenti, ha evidenziato che l'iter di esame delle leggi costituzionali impone un intervallo di tre mesi tra la prima e la seconda lettura da parte di ogni ramo del Parlamento, e che dunque una eventuale mancata calendarizzazione del disegno di legge, che si limita a disciplinare l'iter delle riforme senza fornire alcuna indicazione sul merito delle stesse, avrebbe comportato uno slittamento complessivo di circa due mesi e mezzo, con un significativo allungamento dei termini rispetto ai diciotto mesi indicati dal presidente Letta e dalle stesse mozioni parlamentari per il completamento della revisione costituzionale. Per questa ragione il Governo, in cio' confortato dal parere conforme dei capigruppo di maggioranza in Commissione, ha ritenuto di suggerire l'esame preventivo del disegno di legge costituzionale, e immediatamente dopo l'esame della legge ordinaria sul finanziamento ai partiti.

Ovviamente con il forte auspicio che prima della pausa estiva possano essere licenziati entrambi: obiettivo tanto piu' raggiungibile - conclude la nota del ministero - quanto piu' si garantira' alla Camera un lavoro proficuo e spedito''.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari