lunedì 23 gennaio | 04:08
pubblicato il 17/giu/2014 16:36

Riforme: pronti emendamenti relatori, ma Senato dopo intesa politica

Riforme: pronti emendamenti relatori, ma Senato dopo intesa politica

(ASCA) - Roma, 17 giu - Resta ancora in stand by la questione dell'elezione del Senato tra le riforme istituzionali all'esame della commissione Affari costituzionali del Senato.

Lo conferma il sottosegretario alla Presidenza del consiglio, Luciano Pizzetti conversando con i giornalisti a Palazzo Madama.

I due relatori del ddl, Anna Finocchiaro del Pd e Roberto Calderoli della Lega Nord, nel tentativo di sfrondare i circa 5 mila emendamenti presentati al provvedimento, hanno presentato giovedi' scorso un pacchetto ''di una ventina di emendamenti condivisi'' al ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi e ora si attende il via libera dall'esecutivo per formalizzarli in commissione al Senato - si pensa entro la settimana, come ha suggerito il sottosegretario - e proporli alla discussione tra le forze politiche. ''Con Calderoli abbiamo lavorato tantissimo. Sono convinta che abbiamo fatto un buon lavoro e pensiamo che si possa arrivare al voto in tempi brevi'' ha dichiarato Finocchiaro.

Tra le proposte di modifica pero' mancano ancora quelle relative alla modalita' di elezione del Senato, per cui si attende una verifica di tipo politico. Il quadro sotto questo profilo e' ancora in movimento. Oggi Finocchiaro, conversando con i giornalisti a Palazzo Madama, ha sottolineato la novita' dell'''apertura di Salvini'' e sul fronte interno, evidentemente rivolta ai senatori dissidenti nel frattempo rientrati nei ranghi, non ha esitato a rimarcare come ''la maggioranza dei gruppi e' favorevole'' all'elezione indiretta dei senatori e come ''le Camere alte normalmente siano espressione di secondo grado''. Un'impostazione condivisa, aggiunge, non solo dal Pd, ma da molte forze politiche presenti in Parlamento.

Ma prudenza consiglia di prendersi ancora un po' di tempo, in attesa che il quadro politico complessivo si definisca, appunto. Per il momento la commissione resta ferma in attesa.

Domani, essendoci riunione di giunta del regolamento che dovra' decidere sulla rimozione del senatore Mario Mauro (PI) dalla commissione Affari costituzionali, la seduta di commissione e' stata sconvocate e si passa a giovedi' pomeriggio. Prima della prossima settimana, quando si dovrebbe passare al voto degli emendamenti, tutto resta insomma in sospeso. ''Su funzioni del Senato e titolo V siamo a buon punto - sintetizza il sottosegretario -. Sulla composizione del Senato siemo invece fortemente in arretrato''. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4