martedì 28 febbraio | 16:11
pubblicato il 08/ago/2014 16:42

Riforme: primo ok da Senato, Renzi ''nessuno ferma cambiamento''

(ASCA) - Roma, 8 ago 2014 - Matteo Renzi si intesta le riforme, affermando che ''nessuno fermera' il cambiamento''.

Il presidente del consiglio, assente nell'Aula di Palazzo Madama, incassa il primo si' alle riforme costituzionali, ma con una maggioranza al Senato che non e' schiacciante, 183 voti a favore, come avrebbe dovuto essere quella per un provvedimento che cambiera' profondamente la Costituzione.

Dopo un percorso faticoso, fatto di proteste in Aula delle opposizioni, di dissensi nella maggioranza e di accelerazioni repentine grazie allo strumento del 'canguro' adottato dal presidente Grasso (ripetutamente contestato), il voto al ddl riforme ha visto una schiera di dissidenti non partecipare al voto, 14 nel Pd e 8 nel Ncd, per la maggioranza, e 19 in Forza Italia, per il principale partito di opposizione che al tavolo delle riforme si e' seduto. Proprio da parte di Forza Italia si e' registrata la maggiore esultanza per l'esito del voto. I senatori azzurri hanno abbracciato e baciato con calore il capogruppo Paolo Romani, dopo che, durante le dichiarazioni di voto, ha sottolineato che le riforme portano la firma di Renzi e Berlusconi, con buona pace di Ncd escluso dalla paternita' nonostanze l'alleanza di governo con il Pd. Nessuna azione eclatante, per chi l'attendeva, da parte degli altri gruppi di opposizione, nemmeno del Movimento 5 Stelle, forse demotivato dall'assenza del presidente del Consiglio. I senatori di Grillo, quelli di Lega Nord, Gal e Sel hanno abbandonato l'Aula, suscitando l'amarezza del ministro delle riforme, Maria Elena Boschi, che si e' detta soddisfatta per il successo ma dispiaciuta per l'atteggiamento delle opposizioni. Il ddl riforme, con le modifiche subite in commissione e in Aula a Palazzo Madama, portera' a un Senato dei 100 non elettivo, all'abolizione di Cnel e Province, alla modifica del titolo V della Costituzione e alle norme che regolano i referendum, a una diversa platea di elettori del capo dello Stato, mentre continuera' a garantire l'immunita' ai parlamentari. Anche alla Camera il testo potrebbe subire modifiche, secondo le aperture annunciate da Renzi, il quale pero' ha sempre insistito sulla necessita' che l'impianto della riforma non sia assolutamente modificato. Intanto a settembre, in Senato, iniziera' l'iter della della legge elettorale, argomento che ha sempre fatto da sfondo al dibattito sulle riforme e che entrera' rapidamente nel vivo aprendo una partita determinante per il futuro soprattutto di alcuni partiti. sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech