martedì 17 gennaio | 10:15
pubblicato il 20/apr/2011 14:27

Riforme/ Pdl tenta modifica art.1 Carta contro Consulta e toghe

Camere sovrane ma ora sotto scacco altri poteri, anche del Colle

Riforme/ Pdl tenta modifica art.1 Carta contro Consulta e toghe

Roma, 20 apr. (askanews) - "L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro". Ma non solo: fondata anche "sulla centralità del Parlamento quale titolare supremo della rappresentanza politica della volontà popolare espressa mediante procedimento elettorale". E' la proposta di legge costituzionale presentata dal pidiellino Remigio Ceroni per modificare il comma 1 della Carta. Inalterato il comma 2: "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione". E' lo stesso Ceroni a spiegare nella relazione della pdl le motivazioni alla base della proposta: ridimensionare il potere di magistratura e Corte Costituzionale, e 'sventare' il possibile scioglimento delle Camere paventato nei mesi scorsi dal Presidente della Repubblica. Il principio della centralità del Parlamento "pur deducibile dalla nostra Costituzione nelle sue varie articolazioni - scrive Ceroni - non è stato esplicitato con dichiarazione solenne nella Carta costituzionale. Soprattutto in tempi di crisi dei valori ed in presenza di fortissimi ed accesi contrasti tra le forze politiche che possono mettere in discussione o addirittura sovvertire il sistema democratico, è dunque consigliabile enunciare tale principio nel 1 comma dell'art. 1 Cost. Né il Presidente della Repubblica, infatti, né il Governo, né la Corte Costituzionale, né la magistratura sono titolari della rappresentanza politica quale espressione della volontà del popolo sovrano, perché tali organi non vengono eletti dal popolo". Per Ceroni, in fatti, "non è un mistero che oggi i poteri del Parlamento e del Governo sono debolissimi e sono tenuti sotto scacco dalla Magistratura e dalla Corte Costituzionale e cioè da organi privi totalmente di rappresentanza politica, i quali, tuttavia, con un'interpretazione sempre più espansiva delle norme costituzionali ma in violazione dei principi ispiratori della Costituzione stessa, si arrogano compiti ed attribuzioni che non spettano loro". In questo modo determinando "non più la leale collaborazione tra i poteri dello Stato, ma il sopravvento esclusivo, e per di più irresponsabile e perciò tirannico e lesivo dei più elementari diritti dei cittadini, di un potere sull'altro, con la conseguente scomparsa sostanziale e formale, della stessa sovranità popolare". L'altro obiettivo è chiarire che non è ipotizzabile lo scioglimento delle Camere da parte del Capo dello Stato in presenza di una maggioranza parlamentare che sorregge un governo: "Il Presidente della Repubblica, ex art. 88 Cost., può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse, ma non può certo farlo se il Governo mantiene la fiducia delle Camere e/o della maggioranza in virtù del disposto di cui al secondo comma dell'art. 1 Cost., secondo il quale la sovranità appartiene al popolo che la esercita attraverso il Parlamento". Il Presidente della Repubblica "può, quindi, sciogliere le Camere solo dopo la sfiducia votata dal Parlamento nei confronti del Governo oppure quando le Camere sono incapaci di esprimere un governo sorretto da una qualsiasi maggioranza, ma finché esiste un governo sorretto da una maggioranza il Presidente della Repubblica non può sciogliere le Camere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello