sabato 03 dicembre | 17:22
pubblicato il 22/lug/2014 12:04

Riforme: Napolitano, non agitare spettri svolte autoritarie

(ASCA) - Roma, 22 lug 2014 - Sulle riforme ''non si agitino spettri di insidie e macchinazioni autoritarie''. Lo chiede il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel corso della cerimonia di consegna del Ventaglio da parte della Stampa parlamentare. Il processo che portera' alla realizzazione delle riforme, spiega Napolitano, ha bisogno di ''inevitabili mediazioni'' perche' senza ''ampie convergenze'' ci troveremmo ancora una volta davanti al naufragio della revisione della seconda parte della Costituzione. Ma perche' le riforme possano realizzarsi e' necessario inoltre superare ''l'estremizzazione dei contrasti'' che si sta realizzando, anche sul piano del linguaggio, in queste ultime settimane. Quello che emerge oggi dal dibattito sulle riforme, afferma Napolitano, e' ''una pregiudiziale diffidenza e contestazione'' verso il ''dialogo e la mediazione'' tra opposte forze politiche. Il pericolo, avverte il Capo dello Stato e' che ''senza un'ampia convergenza naufragherebbe ancora una volta il tentativo, per altro gia' cosi' tardivo, di riforma della seconda parte della Costituzione''. Da Napolitano arriva allora un ''pacato e fermo appello a superare l'estremizzazione dei contrasti, un'esasperazione ingiusta e rischiosa, anche sul piano del linguaggio, nella legittima espressione del dissenso''. In questo quadro - continua con evidente riferimento alle parole usate in tale senso da parte del Movimento 5 Stelle nei confronti del lavoro di riforma del governo Renzi - ''per serieta' e senso della misura nei messaggi che dal Parlamento si proiettano verso i cittadini non si agitino spettri di insidie e macchinazioni autoritarie, ne' si miri a determinare in questo modo un nuovo nulla di fatto in materia di revisioni costituzionali''. Il Presidente della Repubblica non ha dubbi, sulle riforme la ''discussione e' stata libera, estremamente articolata e non c'e' stata improvvisazione o improvvida frettolosita'''. In ogni caso, aggiunge Napolitano, le riforme dell'assetto parlamentare, del procedimento legislativo e il meccanismo decisionale ''non sono meno importanti di quella del mercato del lavoro e della spesa pubblica'', e ricorda che ''l'impegno di cui il governo Renzi si e' fatto iniziatore'' e' avvenuto su mandato del Parlamento. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari