martedì 21 febbraio | 18:18
pubblicato il 18/apr/2014 10:01

Riforme: Napolitano, bilancio positivo anche se pagato prezzo...(1 upd)

(ASCA) - Roma, 18 apr 2014 - Il processo delle riforme che si e' messo in moto, senza essere bloccato da crisi e ristrutturazioni della maggioranza di governo, ''mi fa considerare positivo il bilancio dell'anno trascorso. Essermi esposto a tal fine personalmente, sempre nei limiti del mio ruolo costituzionale, e avere pagato allo spirito di fazione un prezzo nei consensi convenzionalmente misurabili, non mi fa dubitare della giustezza della strada seguita''. Lo scrive il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in una lettera inviata al Corriere della Sera.

''Non intendo soffermarmi su fatti, atteggiamenti, intrighi che hanno concorso a gettare ombre e discredito - ben al di la' di ogni legittima critica e riserva - sulla mia persona e sull'istituzione che rappresento'', chiarisce Napolitano aggiungendo che ''l'essenziale e' che mi sia sempre sforzato di mantenere la serenita' indispensabile per fare il mio dovere, per rispondere alle esigenze del Paese e della sua vita democratica. Comunque - continua - e' possibile e utile una qualche riflessione oggettiva, come premessa per il bilancio che mi si chiede di abbozzare. E in primo luogo - scrive il Capo dello Stato - sono stato e sono portato a riflettere sulla persistente, estrema resistenza, che viene dagli ambienti piu' disparati, all'obbligo nazionale e morale di garantire la continuita' dei percorsi istituzionali, e con essa primordiali interessi comuni, anche attraverso avvicinamenti e collaborazioni, sul piano politico, che s'impongono in via temporanea fuori delle naturali affinita' e della dialettica dell'alternanza. Dal non riconoscimento di quest'obbligo, di questa necessita' - sostiene Napolitano - sono scaturite nel corso dell'ultimo anno reazioni virulente che hanno contagiato, sorprendentemente, ambienti molto diversi''. Per Napolitano ''e' stato duro, quindi, procedere nel compito che mi spettava'', divenuto davvero ''faticoso e ingrato, del promuovere la formazione di un governo di ampia coalizione, il solo possibile nel Parlamento uscito dalle elezioni del febbraio 2013, e nel sollecitare un programma di rilancio della crescita e dell'occupazione, e di contestuale, imprescindibile avvio di riforme economico-sociali e istituzionali gia' troppo a lungo ritardate. Che questo processo si sia messo in moto, e di recente decisamente accelerato - nota Napolitano - senza essere bloccato da una crisi e susseguente ristrutturazione della maggioranza di governo ne', piu' tardi, dal cambiamento politico sfociato in una nuova compagine e guida governativa, mi fa considerare positivo il bilancio dell'anno trascorso. Essermi a tal fine 'esposto' personalmente, sempre nei limiti del mio ruolo costituzionale, e aver pagato allo spirito di fazione un prezzo nei consensi convenzionalmente misurabili, non mi fa dubitare della giustezza della strada seguita''. fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia