domenica 26 febbraio | 00:36
pubblicato il 14/lug/2014 13:00

Riforme: Mucchetti, Zanda galantuomo su indennita', da Renzi colpi bassi

(ASCA) - Roma, 14 lug 2014 - ''Princi'pi e persone. Luigi Zanda si dimostra galantuomo quando avverte di non aver mai riscontrato in nessun senatore del Pd alcuna nostalgia dell'indennita' parlamentare''. Lo scrive oggi sul suo blog il Senatore del Pd, Massimo Mucchetti. ''In una fluviale intervista al ''Corriere della Sera'' - continua Mucchetti - Matteo Renzi aveva attribuito a questa finalita', moralmente riprovevole, la difesa dell'elezione diretta del Senato per la quale si battono alcuni esponenti del gruppo Pd a palazzo Madama. Fa piacere che le ferme ed eleganti parole di Zanda (''Il premier deve essere stato male informato'') siano state pubblicate sullo stesso giornale che aveva registrato, nell'occasione senza contraddittorio, i memorabili detti dell'inquilino di palazzo Chigi. Vi riconosco l'equilibrio che il ''Corriere'' sa mantenere facendo suonare nel tempo i diversi strumenti della sua orchestra''.

''Le battute sono superficiali, certi argomenti invece sono politici. Ma le prime, quando sostituiscono gli argomenti, perdono legittimita': diventano colpi sotto la cintura - prosegue -. Le altre, le analisi sugli effetti della riforma istituzionale sul tasso di democrazia, possono essere considerate giuste o sbagliatissime, ma la loro comunicazione conserva appieno la sua legittimita'. Secondo un vecchio proverbio inglese, i gentiluomini parlano dei princi'pi, i domestici delle persone''. ''Del resto, la natura parlamentare della Repubblica italiana e' sempre piu' messa in forse dalla prassi dei decreti omnibus del governo come strumento privilegiato della legislazione e dalla scarsa considerazione nella quale, non di rado, e' tenuto il Parlamento come soggetto deputato al controllo - aggiunge -. Basti pensare che da mesi si attende la risposta del Ministero dell'Economia e da settimane quella della Presidenza del Consiglio alla richiesta ufficiale di riferire alla Commissione Industria del Senato sul processo attraverso il quale il governo ha nominato i nuovi vertici delle maggiori aziende a partecipazione statale diretta o indiretta. Ante nomine, si badi bene, il governo aveva dato il suo consenso alla risoluzione della Commissione Industria che, al termine dell'esame dei conti di Eni, Enel, Finmeccanica e Terna, lo impegnava a tale forma di accountability''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech