venerdì 24 febbraio | 06:44
pubblicato il 14/lug/2014 19:04

Riforme: Mauro (Popolari), con nuovo Senato e Italicum no democrazia

(ASCA) - Roma, 14 lug 2014 - ''Il Senato di Renzi e' un orpello cortigiano che, invece che superare il bicameralismo, rendera' insignificante e confuso l'intero Parlamento. Ora che si potrebbe configurare un equilibrio tra rappresentanza e governabilita' attraverso il superamento del bicameralismo perfetto, attribuendo una funzione di garanzia ad un Senato eletto in maniera proporzionale che non dia la fiducia e che non abbia potere legislativo ordinario, ora si dirotta verso un sistema che annulla in sostanza il funzionamento delle garanzie costituzionali che si basano su maggioranze qualificate. Il combinato di Italicum e progetto di riforma attuale a questo porta infatti, a rendere in sostanza inoperanti le garanzie poste in Costituzione''. Lo ha detto il presidente dei Popolari per l'Italia Mario Mauro nel corso del suo intervento nell'aula di palazzo Madama nella discussione sul provvedimento di riforma del Senato. ''Il problema piu' serio - ha aggiunto Mauro - e' il riflesso che ha la riforma su Presidenza della Repubblica e Corte costituzionale. Adesso si aboliscono i 58 consiglieri regionali che partecipano all'elezione del Presidente, si riduce il Senato a 95 persone, di cui quelle di nomina presidenziale non sono piu' a vita ma sono il 5,5 per cento dell'Assemblea; tuttavia, con l'Italicum, che attribuisce alla maggioranza 254 deputati, basta avere 9 senatori per eleggere il Presidente della Repubblica e i giudici costituzionali di nomina parlamentare. Il Capo dello Stato nomina poi gli altri 5 giudici costituzionali e in questo modo la maggioranza si aggiudica 10 seggi della Consulta. Di fatto questo risultato equivale o no a un regime?''. ''Renzi dice che andiamo verso un modello tedesco, non e' cosi'. L'Italia non e' una Repubblica federale bensi' uno Stato regionale, e in secondo luogo - ha continuato Mauro - il Presidente della Repubblica in Germania ha poteri piu' ridotti, inoltre il cancelliere ha maggiori poteri, ma e' sottoposto a notevoli controlli e la Corte costituzionale funziona in maniera diversa. Il Parlamento tedesco, cioe', e' eletto con un sistema rigidamente proporzionale e l'unico limite e' la soglia di sbarramento al 5 per cento.

Soprattutto, pero', la riforma del Senato si incrocia ancora una volta con l'Italicum, che e' congegnato in modo tale che, per assurdo, basta ipoteticamente l'8 per cento dei voti per aggiudicarsi il 54 per cento dei seggi''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech