martedì 21 febbraio | 20:41
pubblicato il 16/giu/2014 15:40

Riforme: M5S a Renzi propone via blog 'democratellum'.E chiede...(1upd)

Riforme: M5S a Renzi propone via blog 'democratellum'.E chiede...(1upd)

(ASCA) - Roma, 16 giu 2014 - Il Movimento 5 Stelle propone via blog, con una lettera aperta indirizzata al premier Matteo Renzi, la sua proposta in tema di legge elettorale, il ''democratellum''. E' su questa che si cerchera' l'accordo nel corso dell'incontro con l'esecutivo. M5S chiede poi che l'incontro sia diffuso via streaming.

Il 'democratellum' si legge ancora nella lettera aperta ''non e' avanzato per favorire il Movimento 5 Stelle ma per perseguire una democrazia compiuta ed un sistema politico piu' utile ai cittadini. Non si tratta infatti di un proporzionale puro, bensi' di un sistema che consente a una forza politica che ottenga attorno al 40% dei consensi di avere oltre il 50% dei seggi.

''L'Italicum ripropone i profili di incostituzionalita' del Porcellum: premio di maggioranza abnorme e impossibilita' per i cittadini di esprimere la propria preferenza - si osserva nella lettera aperta -. Il Movimento 5 Stelle nei giorni scorsi ha depositato alla Camera e al Senato la propria proposta di legge elettorale, che per semplicita' riferiremo come Democratellum. E' il frutto di un intenso lavoro portato avanti da decine di migliaia di cittadini (...). La nostra proposta assicura la rappresentativita' del Parlamento e rafforza il rapporto tra eletti ed elettori.

Infatti, si tratta di un sistema proporzionale in circoscrizioni di dimensioni intermedie che, pur essendo sensibilmente selettivo, grazie alla formula del divisore corretta, consente l'accesso al Parlamento anche alle forze politiche piccole. Inoltre, prevede la possibilita' per gli elettori non solo di esprimere un voto di preferenza, ma anche di penalizzare i candidati sgraditi, favorendo in questo modo una piu' diretta responsabilita' degli eletti nei confronti degli elettori''.

''Il Democratellum favorisce la governabilita', senza presentare profili di incostituzionalita'. Il suo impianto limita la frammentazione dei partiti e avvantaggia le forze politiche maggiori. Il sistema non richiede coalizioni preelettorali e cosi' evita che i partiti debbano annacquare la propria proposta elettorale a causa di alleanze tattiche obbligate, che, nell'esperienza italiana, si sono rivelate meri espedienti elettorali incapaci di reggere alla prova del governo del Paese. Sulla base della nostra proposta, inoltre, una forza politica che ottenga un deciso consenso elettorale potra' governare anche da sola, senza che sia necessario raggiungere la maggioranza assoluta dei voti'' si conclude.

njb In estrema sintesi sono questi gli obiettivi cui il Democratellum e' diretto. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia