sabato 10 dicembre | 17:51
pubblicato il 12/feb/2014 19:01

Riforme: Lombardia contro abolizione province e ddl Delrio

Riforme: Lombardia contro abolizione province e ddl Delrio

(ASCA) - Milano, 12 feb 2014 - Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato oggi un ordine del giorno in materia di autonomie locali con particolare riferimento al disegno di legge costituzionale ''Abolizione delle province'' e al disegno di legge ordinario ''Disposizioni sulle Citta' metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni'', il cosidetto Dddl Delrio.

Il documento, poi integrato con 4 emendamenti della Lega Nord e un emendamento dei consiglieri Mauro Parolini (NCD) e Pietro Foroni (Lega Nord), in tale quadro, impegna - riferisce una nota - il presidente dell'assemblea, Raffaele Cattaneo, e il presidente della giunta, Roberto Maroni, a ''reclamare un ruolo primario per la Regione nel riordino delle autonomie''.

''Non e' un nuovo centralismo che potra' risolvere i problemi del Paese'', ha affermato il presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo, intervenuto oggi nel dibattito dai banchi dei consiglieri. ''Senza piu' alcun livello istituzionale tra il cittadino singolo e lo Stato, senza corpi intermedi, societa' di mezzo, autonomie locali - ha proseguito - ci sara' solo meno liberta' e meno benessere.

La Lombardia ha il dovere di svegliarsi e portare al livello nazionale una proposta articolata di riforma. Siamo chiamati a difendere le Regioni, le autonomie locali e sociali, non per tutelare posti o istituzioni vuote, perche' sono un baluardo per la liberta' e il benessere di tutti'', ha puntualizzato Cattaneo.

L'ordine del giorno in primo luogo chiede un'azione di pressing su Parlamento e Governo affinche' ''alla Regione venga attribuita la facolta' di istituire, sulla base dei principi di sussidiarieta', differenziazione ed adeguatezza, enti di area vasta, attribuendo integralmente alla competenza regionale la disciplina dell'ordinamento di tali enti, ferma restando la necessita' di forme di responsabilizzazione economico-finanziaria e di invarianza della spesa complessiva''.

La seconda richiesta e' relativa alla proliferazione delle Citta' metropolitane - l'emendamento Foroni-Parolini chiede appunto che l'unico ente di questo livello sia quello milanese - per evitare ''rischi di sovrapposizione con le funzioni e le competenze regionali''.

Infine, si chiede che ''sia garantita alle Regioni la piu' ampia e concreta partecipazione al processo di riordino complessivo dell'assetto costituzionale al fine di rendere effettivo il principio di leale collaborazione tra i livelli di governo''. L'ordine del giorno e' stato approvato all'unanimita' con 49 voti a favore da maggioranza e Pd. Movimento 5 Stelle e Patto civico non hanno partecipato al voto.

com-stt/mau/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina