domenica 26 febbraio | 06:41
pubblicato il 06/ago/2014 18:45

Riforme: Lega, bandiera San Marco in Aula Senato per statuti speciali

(ASCA) - Roma, 6 ago 2014 - La alega sventola la bandiera di San Marco nell'Aula del Senato durante l'esame al ddl Riforme dopo il no alla richiesta di statuto speciale per Lombardia e Veneto. In due emendamenti all'articolo 29 titolo V della seconda parte della Carta - spiega l'ufficio stampa della Lega - , il Carroccio ha portato proposte per allentare il vincolo di Roma. Il deputato leghista Stefano Candiani ha chiesto, accanto allo statuto ordinario, l'introduzione di quello speciale per la Lombardia, ''regione - ha detto il parlamentare leghista - , in grado di trainare tutte le altre regioni italiane e meritevole di maggiori spazi di manovra e di autonomia''. Richiesta identica, per il Veneto, e' arrivata dal collega leghista Paolo Tosato, che in aula ha sventolato la bandiera col leone di San Marco, ''vessillo in cui il popolo veneto da oltre mille anni si riconosce, simbolo di liberta'''. com-sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech