sabato 25 febbraio | 07:55
pubblicato il 17/mar/2014 16:55

Riforme: Lacorazza, Regioni pronte alla sfida del cambiamento

(ASCA) - Potenza, 17 mar 2014 - ''Bisogna accettare la sfida del cambiamento, che significa innanzitutto mettersi in discussione e verificare cosa non funziona nelle Regioni italiane e come questi enti possono recuperare la loro piena funzionalita' riducendo i costi ed eliminando sprechi e inefficienze. Ma con la consapevolezza che oggi va riformato l'intero sistema pubblico, che a Regioni piu' efficienti deve corrispondere uno Stato piu' efficiente, che si puo' costruire una nuova armonia fra i diversi livelli istituzionali solo partendo dagli interessi reali dei cittadini e delle imprese''. E' questa l'opinione del presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Piero Lacorazza, che oggi a Roma ha partecipato alla conferenza stampa dei presidenti delle Assemblee legislative regionali sulla riforma del bicameralismo e del titolo V della Costituzione.

A parere di Lacorazza, ''la crisi del regionalismo, cosi' come l'abbiamo conosciuta in questi anni, richiede una riflessione seria sulla riforma dello Stato e sull'articolazione dei poteri, e la proposta avanzata dal Governo nazionale sul titolo V e' una base di discussione importante per definire un nuovo patto fra lo Stato, le Regioni, le comunita' locali. Ma la riforma deve partire dal punto di vista dei cittadini e delle imprese, della tutela dei loro interessi e dei loro diritti. E in questo senso credo che le Regioni debbano necessariamente mantenere su alcune materie la potesta' legislativa e di intervento concorrente. E' possibile definire meglio ambiti e competenze, chi fa cosa, ma per esempio in tema di ambiente le Regioni devono poter dire la loro''.

Riguardo al contenimento dei costi per il funzionamento delle istituzioni, inoltre, ''le Regioni hanno gia' adottato misure coordinate - continua Lacorazza - , con l'abolizione dei vitalizi e delle indennita' di fine mandato e la riduzione delle indennita' dei consiglieri. A queste scelte condivise, a cui si aggiungera' presto la discussione su misure quali il divieto di cumulabilita' dei vitalizi gia' assegnati e l'eliminazione dei contributi ai gruppi consiliari, si e' gia' da tempo ispirato il Consiglio regionale della Basilicata, che si appresta ad approvare un ulteriore pacchetto di proposte condivise con tutti i consiglieri per garantire un migliore funzionamento dell'Assemblea e procedure piu' trasparenti. Piu' trasparenza, meno costi e comportamenti sobri sono il dna delle nuove istituzioni regionali che vogliamo costruire''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech