mercoledì 22 febbraio | 21:43
pubblicato il 02/apr/2014 12:37

Riforme: Lacorazza, la Regione e' un irrinunciabile spazio democratico

(ASCA) - Potenza, 2 apr 2014 - ''In Basilicata la Regione e' un irrinunciabile spazio democratico, innanzitutto a tutela dei territori interni e dei piccoli Comuni, che rappresentano un presidio essenziale per il territorio e che altrimenti rischiano di essere emarginati. Uno spazio democratico che deve costare meno, essere piu' funzionale e trasparente, che in poche parole deve contribuire a semplificare la vita ai cittadini e alle imprese. Perche' cosi' sara' piu' utile per il territorio''. Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza, concludendo la relazione tenuta oggi in Aula sulla riforma costituzionale del titolo V. ''In un contesto come quello lucano - ha aggiunto - con pochi abitanti che vivono in un territorio esteso, aspro e difficile, la Regione e' anche l'elemento della perequazione, di una programmazione temperata del territorio, della difesa e della valorizzazione di storia e tradizioni che possono essere modello di sostenibilita'''. A parere di Lacorazza ''le Regioni non possono essere trasformate in enti di gestione amministrativa, devono mantenere un ruolo legislativo, di programmazione e di tutela del territorio, e quindi di iniziativa concorrente con lo Stato, almeno in materie fondamentali quali ambiente, urbanistica ed uso del suolo'', mentre ''il Senato delle Autonomie deve essere il luogo in cui le istanze dei territori vengono rappresentate e ricomposte in una sintesi unitaria in un organo di rango costituzionale, che serva anche a dirimere i conflitti, oltre che a promuovere la leale collaborazione fra le Regioni e lo Stato''.

''Piu' che rivedere i confini amministrativi delle Regioni - ha aggiunto ancora il presidente del Consiglio regionale - occorre che questi enti assumano scelte condivise in uno spazio di programmazione piu' ampio, per esempio pianificando l'uso dei fondi comunitari per la realizzazione di pochi grandi obiettivi infrastrutturali; per fare questo occorre attribuire rilevanza di legge ad un Gruppo europeo di cooperazione territoriale del Sud, stabilendo allo stesso tempo che la sessione comunitaria divenga momento unificante della programmazione unitaria dei Consigli regionali''.

''Il percorso per la definizione del nuovo Statuto della Basilicata - ha concluso Lacorazza - deve andare avanti in maniera decisa e spedita, declinando in maniera compiuta anche i principi di cooperazione con le altre Regioni dell'ipotizzato Gruppo europeo di cooperazione territoriale del Sud''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech