sabato 21 gennaio | 19:13
pubblicato il 14/apr/2014 17:38

Riforme: Introna, portare le Regioni nel cuore dello Stato

(ASCA) - Roma, 14 apr 2014 - ''Riformare si puo', meglio si deve e le Regioni vogliono esserci. Chiediamo di partecipare al dialogo sul riordino istituzionale avviato dal Governo nazionale''. Lo ha dichiarato in Parlamento il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio introna, nell'incontro delle Conferenze nazionali delle Giunte e delle Assemblee legislative, sulla riforma costituzionale, nell'Aula dei gruppi parlamentari della Camera.

In uno degli interventi programmati, Introna ha affrontato i temi del neocentralismo e del superamento del bicameralismo perfetto.

Il 2 aprile, come in tutte le Regioni, il Consiglio pugliese ha sviluppato un ampio dibattito, adottando un ordine del giorno unitario finale, che ha dichiarato la disponibilita' della Puglia ad ''essere parte integrante del processo di riforma''. Ora, a Roma, tutte le Assemblee hanno sollecitato un ''serrato confronto'' col Parlamento e col Governo Renzi, per portare un contributo al processo riformatore.

''Questa e' una riforma che vogliamo fare e vogliamo farla insieme - ha sostenuto Introna a Montecitorio - quanto piu' sara' partecipata, tanto piu' potra' essere efficace per il Paese''. andranno pero' risolte ''alcune criticita''', addebitabili ad una tendenza a ''ricentralizzare'' la titolarita' statale di funzioni ora assegnate alle Regioni.

''Se e' questo l'obiettivo, il tentativo appare incomprensibile - secondo il presidente pugliese - perche' si stenta a vedere qualsiasi beneficio in termini di semplificazione''.

Le Regioni non si sottraggono ad una ridefinizione delle competenze, che avrebbe tra gli altri l'effetto di ridurre sensibilmente l'ingente contenzioso davanti alla Consulta, sulla costituzionalita' di talune leggi regionali. ''Non va pero' stravolto il pacchetto delle materie concorrenti, fino a svuotarlo del tutto''. ha insistito Introna. Sono quelle su cui Parlamento e Regione legiferano entrambi''.

La riforma e' un appuntamento troppo importante: ''il tema va senz'altro affrontato perche' dopo 70 anni una mesa a punto della Costituzione non deve fare gridare allo scandalo''. I Consigli si dichiarano disponibili e Introna ha indicato le priorita'.

''Riteniamo che vadano meglio e piu' chiaramente definite le competenze del nuovo Senato - ha detto - sono condivisibili la riduzione dei parlamentari e lo snellimento della procedura legislativa: non sarebbe lesa maesta' istituzionale prevedere la centralita' di una Camera e rivedere il ruolo dell'altra. A condizione, pero', che ad una piu' snella Assemblea di Palazzo Madama vengano assicurate competenze adeguate, a partire da materie come l'ordinamento locale e regionale, gli enti locali, i rapporti con l'UE, le leggi costituzionali ed elettorali, la finanza pubblica, oltre a funzioni ispettive e all'elezione del Capo dello Stato, di componenti del CSM e giudici costituzionali.

Altro nodo, l'accesso a questo ramo riformato del Parlamento.

''I senatori devono essere eletti dai cittadini, in numero proporzionale alla popolazione della Regione'', esigenza messa in risalto nella quasi totalita' degli interventi nel Consiglio regionale pugliese. E il presidente ha aggiunto che ''non si avverte la necessita' di una Camera di secondo livello, tantomeno si vede l'utilita' di un Senato simile all'attuale Conferenza Stato-Regioni, sia pure allargata. Un Senato di nominati vedrebbe molto indebolite le prerogative costituzionali''.

Valido invece l'obiettivo di ridisegnare l'assetto istituzionale su tre soggetti, Stato, Regioni, Comuni.

Secondo Introna ''favorirebbe un equilibrio istituzionale piu' avanzato e consentirebbe alle Regioni di assumere sempre maggiori responsabilita', negli interessi dei cittadini e dei territori. C'e' bisogno di raccordare le politiche dalle periferie al centro, attraverso un regionalismo piu' avanzato, responsabile e collaborativo, che possa portare le Regioni nel cuore dello Stato''. Decentramento e sussidiarieta', il sistema delle Regioni auspica quindi ''piu' regionalismo e meno neo-centralismo, per il bene dei cittadini e del Paese''. L'occasione della riforma puo' diventare un momento alto della storia. Si tratta di trovare una sintesi e la Puglia e' fermamente motivata a portare un contributo. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4