lunedì 16 gennaio | 12:46
pubblicato il 24/nov/2011 05:10

Riforme/ In Senato ora potrebbe ripartire riduzione parlamentari

Consultazioni informali fra gruppi anche su legge elettorale

Riforme/ In Senato ora potrebbe ripartire riduzione parlamentari

Roma, 24 nov. (askanews) - Riparte l'attività parlamentare, seppur con tutta la farraginosità legata alla creazione di un nuovo governo, che manca ancora dei sottosegretari e che si divide tra Roma e le istituzioni europee. Almeno, la ripartenza è già cominciata al Senato, dove da due giorni i vertici dei gruppi parlamentari sono impegnati in colloqui informali tra loro e con la presidenza. Momento di sintesi sarà la conferenza dei Capigruppo di oggi, quando verranno poste almeno due questioni: il calendario d'Aula e l'agenda, in attesa che i ministri compiano il loro tradizionale giro di audizioni di inizio mandato nelle commissioni e che il governo partorisca l'annunciato pacchetto di proposte economiche. Ecco quindi che martedì, ad esempio, c'è stato un colloquio molto fitto tra il presidente del Senato, Renato Schifani, e la capogruppo del Pd, Anna Finocchiaro, la quale, lasciato il ruolo di leader dell'opposizione, riveste ora quello ben più impegnativo di rappresentante del secondo partito di maggioranza. In sintesi, Finocchiaro ha posto a Schifani un problema semplice: come impegnare il tempo che separa il Parlamento dal nuovo corso dell'attività legata alle proposte del Governo. Per Finocchiaro, la Camera Alta dovrebbe semplicemente tornare a occuparsi di quelle riforme che giacciono, già pronte, nelle commissioni. E la regina di queste, dopo un rapido riesame degli incartamenti, è la riduzione del numero dei parlamentari. Prima della caduta del governo Berlusconi, infatti, la maggioranza di allora era riuscita a convogliare il taglio degli onorevoli nel ben più esteso pacchetto Calderoli. Ora che Calderoli non è più minitro e che la Lega e all'opposizione, questa riforma può essere ritirata fuori dai cassetti e approvata, tanto più che l'Aula di palazzo Madama aveva votato l'urgenza del provvedimento e che il ddl, di soli tre articoli, recava in calce la firma di tutti i capigruppo. Ecco quindi che con ogni probabilità Finocchiaro domani proporrà ai colleghi l'idea di procedere con questa revisione costituzionale e di portare il numero degli onorevoli a 750, come previsto dal ddl, se si vuole di piccolo cabotaggio, ma con due grandissimi pregi: la propria natura parlamentare, che terrebbe quindi il governo al riparo dall'accusa di andare fuori mandato, e l'essere foriero di una vera e propria rivoluzione, ovvero una nuova legge elettorale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Cnh crede nell'Internet of Things per l'agroalimentare
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche