lunedì 05 dicembre | 17:51
pubblicato il 07/lug/2014 08:59

Riforme: Guerini, nessuno nel Pd si sfili. Si cambia solo se ci sta FI

(ASCA) - Roma, 7 lug 2014 - ''Il tavolo delle riforme va tenuto insieme, nessuno lo faccia saltare, i dissidenti dem non si possono sfilare''. Lo sostiene Lorenzo Guerini, vice segretario del Pd, in un'intervista a 'la Repubblica'.

''L'impianto delle riforme - spiega - e' in linea con quello che il Pd ha detto in questi anni e va nell'interesse del paese. Cioe' trasformazione del nostro sistema istituzionale per renderlo piu' efficiente; superamento del bicameralismo perfetto, che e' un obiettivo su cui tutti, tranne qualche reduce, sono d'accordo. Sulla legge elettorale abbiamo sempre detto che ci vuole un modello che funzioni, che definisca in modo chiaro chi vince e chi perde, che garantisca la governabilita' e impegni le forze politiche a dichiarare prima del voto con quale coalizione vogliono governare. Dentro questo impianto, possono esserci cambiamenti e si possono costruire convergenze piu' larghe''.

''Miglioramenti - assicura Guerini - se ne faranno, ma a patto che ci sia condivisione. Questo e' gia' avvenuto sull'Italicum alla Camera. Anche sulla riforma del Senato ci sono stati cambiamenti in commissione e ce ne potranno essere. Pero' il limite deve essere chiaro: l'impianto delle riforme non va stravolto, perche' quell'impianto e' nell'interesse del paese''.

Quanto ai dissidenti del Pd, Guerini dice: ''Portiamo a compimento la trasformazione del Senato. Sulle soglie si possono fare modifiche. Approfondiremo sul rapporto tra eletti e elettori, sapendo pero' che l'Italicum prevede collegi plurinominali molto piccoli che garantiscono quella conoscibilita' richiesta dalla Consulta. Sull'Italicum ragioneremo e ci confronteremo. Discuteremo. Con un paletto: i cambiamenti vanno apportati con l'accordo delle forze della maggioranza e con Forza Italia, ovvero di tutti i contraenti del patto del Nazareno''. Il vicesegretario del Pd invita quindi i dissidenti ''al senso di responsabilita' e alla consapevolezza che siamo a un punto decisivo. Voglio sperare che nessuno si sfili''.

pol/tmn

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari