lunedì 05 dicembre | 17:39
pubblicato il 04/mar/2014 12:16

Riforme: Grasso, revisione bicameralismo non sia calcolatrice alla mano

Riforme: Grasso, revisione bicameralismo non sia calcolatrice alla mano

(ASCA) - Roma, 4 mar 2014 - In tema di riforme la revisione del bicameralismo ''e' oggi volonta' condivisa'', ma ''non si puo' pero' ripensare il bicameralismo solo con la calcolatrice alla mano. Al Paese servono istituzioni efficienti: queste, poi, devono anche contenere i costi di funzionamento''. E' quanto sottolinea il presidente del Senato, Pietro Grasso nel suo intervento introduttivo al convegno ''La grande riforma, un atto mancato'' a Palazzo Giustiniani, dedicato al messaggio del giugno 1991 dell'allora presidente della Repubblica, Francesco Cossiga alle Camere in tema di riforme.

''La societa' di oggi e' piu' complessa rispetto a quella della meta' del secolo scorso e solo un sistema bicamerale puo' garantire un efficiente governo della complessita'- e' la premessa di Grasso -. Le esperienze dei maggiori Paesi, europei e non solo, lo testimoniano''. In un momento storico pero' in cui le ''duplicazioni e gli sprechi non possono essere piu' tollerati, ogni istituzione, deve avere una sempre maggiore legittimazione popolare''. ''Tale legittimazione - prosegue la seconda carica dello Stato - deve trasparire innanzitutto dalle funzioni dell'organo assembleare, e in base a queste dalla definizione della sua composizione. Occorre trovare un nuovo equilibrio, ferma restando la necessita' di una significativa riduzione del numero dei parlamentari''.

Ecco dunque che ''se da un lato si intende attribuire alla Camera, in via esclusiva, il rapporto fiduciario con l'esecutivo, dall'altro il Senato, libero dalle implicazioni di tale rapporto, potrebbe esercitare, sempre in via esclusiva, le funzioni del Parlamento inerenti il rapporto con le autonomie territoriali, lo svolgimento della funzione di controllo, comprese le commissioni d'inchiesta, le nomine, i rapporti con il Parlamento europeo - e' la conclusione di Grasso -. Una volta identificati gli ambiti di competenza tra le due Camere, sara' piu' agevole rivedere il procedimento legislativo, sia nei modi sia nei tempi, garantendo le dovute corsie preferenziali ai disegni di legge di iniziativa governativa, ponendo cosi' un limite all'irrefrenabile dilagare della decretazione d'urgenza''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari