mercoledì 07 dicembre | 21:33
pubblicato il 31/lug/2014 11:47

Riforme: governo battuto al Senato su un emendamento della Lega Nord

(ASCA) - Roma, 31 lug 2014 - Governo battuto al Senato. L'Aula del Senato ha approvato a scrutinio segreto l'emendamento al ddl riforme su temi etici che aveva il parere contrario del governo. 154 i si', 147 i no. L'emendamento, a firma Stefano Candiani (LN), aveva ricevuto il parere contrario, oltre che del governo, anche della relatrice del Pd, Anna Finocchiaro, mentre il relatore della Lega, Roberto Calderoli, si era espresso favorevolmente. La modifica approvata con scrutinio segreto prevede che non solo la Camera ma anche il Senato sia chiamato a esprimersi su norme che riguardano materie etiche come il testamento biologico e la tutela della salute dei cittadini. I senatori renziani del Pd minimizzano la portata della sconfitta a voto segreto del Governo, tirando dritto sulle riforme. ''Nessun problema, avevamo messo in conto di poter andare in minoranza su singole questioni. La riforma prevede 4 letture, e quindi sono naturali modifiche e cambiamenti. L'emendamento approvato dall'Aula non e' un caposaldo del disegno di legge costituzionale'', e' scritto in una dichiarazione diffusa dal senatore Andrea Marcucci. Ma da Sel arriva un avvertimento: ''La sconfitta della maggioranza nel voto segreto e' un segnale chiarissimo ed eloquente che ci auguriamo il governo sappia cogliere'', afferma in una dichiarazione la capogruppo di Sel al Senato Loredana De Petris. ''La scelta di procedere secondo la logica del muro contro muro - ha sottolineato - non porta da nessuna parte e non permette di varare una buona riforma della Costituzione. C'e' ancora tempo per cambiare strada e aprire la strada a un dialogo che Sel e tutte le opposizioni non hanno mai smesso di invocare, restando purtroppo sempre inascoltate. Ma il governo deve decidersi a capire che una riforma di questa importanza e delicatezza non puo' essere imposta con la forza. Dovrebbe essere realizzata con il dialogo e il concorso pieno di tutte le forze parlamentari''. Un secondo momento cruciale in Aula e' stato rappresentato dal voto su di un altro emendamento a firma Lega che prevedeva la riduzione dei deputati a 500 garantendo inoltre l'attuale rappresentanza numerica per la circoscrizione Estero e le minoranze linguistiche. L'Assemblea ha dibattuto a lungo sulla richiesta avanzata di votazione per parti separate del testo, avanzata dal Pd, e quella di voto segreto, avanzata dall'opposizione. Al termine del dibattito il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha dato risposta negativa a entrambe le richieste, citando il regolamento di Palazzo Madama. L'Aula ha quindi respinto l'emendamento. Alle 14 e' stata sospesa la seduta, per poi riprendere i lavori sul ddl riforme alle 16, con nuove votazioni degli emendamenti. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Pisapia: pronto a unire sinistra fuori da Pd, dialogo con Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni