mercoledì 22 febbraio | 14:32
pubblicato il 01/ago/2013 15:11

Riforme: Gelmini, ddl passo importante per modernizzazione Paese

Riforme: Gelmini, ddl passo importante per modernizzazione Paese

(ASCA) - Roma, 1 ago - ''L'approvazione del disegno di legge costituzionale all'esame dell'Aula, rappresenta un primo importante passo nella direzione della fissazione delle linee guida, delle regole dell'iter che dovra' essere osservato per pervenire all'auspicata riforma della parte seconda della Costituzione, come per superare definitivamente una fase di transizione che dura ormai da troppo tempo nel nostro Paese.

E sara' un passo importante anche per modernizzare e adeguare finalmente il sistema politico-istituzionale italiano ai cambiamenti che da tempo sono intercorsi nella societa'''.

Lo ha affermato Mariastella Gelmini, vicecapogruppo vicario del Pdl alla Camera, intervenendo nella discussione generale sul ddl che istitusce il Comitato dei 42 per le riforme e sottolineando come le riforme istituzionali siano attese da oltre 30 anni. Secondo la Gelmini ''e' mutata la domanda politica che viene dal Paese: l'internazionalizzazione dei mercati, il processo di evoluzione dell'Unione europea hanno rivoluzionato il ruolo dei pubblici poteri nel governo anche dei processi economici. Si chiede alla politica maggiore velocita', maggiore qualita', maggiore incisivita' nelle scelte da operare''. Cio' premesso, la Gelmini ha sottolineato come ''in questo momento di crisi, l'Italia paga a caro prezzo i rinvii, i fallimenti, le indecisioni e le mancate riforme. Tutto questo si traduce in una perdita di fiducia nei confronti della competitivita', della capacita' di cambiamento, di innovazione e di sviluppo del Paese, da un lato, ma anche in una perdita di fiducia e di autorevolezza della politica, perche', in tempo di crisi, le mancate riforme assumono un particolare valore anche economico, rappresentato da istituzioni che purtroppo non funzionano e l'efficacia istituzionale e' indiscutibilmente una variabile fondamentale per la competitivita' del sistema economico''.

Per Gelmini ''l'autorevolezza e la credibilita' della politica passano dalla capacita' di affrontare le questioni, dalla velocita' e dall'efficacia dei tempi di decisione, dal coraggio di sapere sostenere fino in fondo il cambiamento anche mettendo mano alla nostra Costituzione, non per stravolgerla, ma per prendere atto dei mutamenti avvenuti.

Non possiamo piu' permetterci il costo di istituzioni inefficienti, un costo che l'Italia ha pagato in misura crescente negli ultimi trent'anni. A differenza delle altre grandi democrazie dell'Occidente, da tempo interessate da processi di riforma, all'appuntamento con la competizione globale, il nostro Paese si e' trovato sprovvisto di strumenti adeguati alla portata delle decisioni da assumere, fino alla situazione difficile e preoccupante che siamo stati chiamati ad affrontare nei mesi scorsi, quando abbiamo deciso di assumere la responsabilita' di Governo davanti ad un sistema politico divenuto di fatto tripolare, gravato non solo dalla debolezza strutturale del potere esecutivo, ma anche da un bicameralismo paritario, ormai unico al mondo, e da una legge elettorale concepita per un quadro bipolare''.

In particolare, la legge elettorale. che la Gelmini ha definito ''un tema fondamentale che non puo' essere rinviato, anche se credo che sarebbe un errore gravare sulle gracili spalle della legge elettorale tutte le responsabilita' di un Pag. 33cambiamento istituzionale che e' molto piu' ampio e di cui la legge elettorale rappresenta un tassello, ma non l'unico. Per essere realmente efficace una riforma della legge elettorale deve essere inserita in un coerente contesto di norme e di riforme costituzionali e regolamentari''. ''Strettamente legata alla legge elettorale e', poi, la questione relativa alla forma di Governo per cui -ha detto la Gelmini- il nostro Paese deve optare. A tale riguardo, come e' stato piu' volte dibattuto, abbiamo di fronte due strade.

La forma di Governo parlamentare razionalizzata o una forma di Governo presidenziale''.

min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%