domenica 26 febbraio | 18:54
pubblicato il 12/giu/2014 13:31

Riforme: Gasparri, da Renzi e Zanda stalinismo di ritorno su Mineo-Chiti

Riforme: Gasparri, da Renzi e Zanda stalinismo di ritorno su Mineo-Chiti

(ASCA) - Roma, 12 giu 2014 - ''L'arroganza non paga. Zanda, pur di accreditarsi presso Renzi, ha fatto il fucilatore in commissione Affari costituzionali dicendo no a Mineo e anche a Chiti. Ne e' scaturita la reazione di autorevolissimi membri di quella storia e di quel partito, a dimostrazione del fatto che il percorso delle riforme e' serio e complesso e non si risolve con fogli d'ordine. Renzi rifletta su come riformare le istituzioni: se il Senato deve essere un'assemblea di nominati a suo uso e consumo, se deve essere abolito del tutto, oppure se sia opportuno lasciarne l'elezione popolare. In ogni caso quanto si e' verificato dimostra che e' la sinistra la catena vera del nostro paese, il vero elemento paralizzante. Renzi non e' da meno. Riveda toni e metodi se vuole andare avanti. Lo stalinismo di ritorno di Renzovich e Zandavich non porta da nessuna parte''. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI). com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech