lunedì 20 febbraio | 14:44
pubblicato il 28/giu/2012 21:20

Riforme/ Fini: Napolitano richiama a necessità larga maggioranza

"Ma su alcune ipotesi di riforma, al momento, così non è"

Riforme/ Fini: Napolitano richiama a necessità larga maggioranza

Prat , 28 giu. (askanews) - Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano "ha voluto mettere in guardia le forze politiche dalla tentazione, che forse qualche forza politica ha, di approvare riforme importanti e radicali della Costituzione senza disporre di una solida e larga maggioranza". Lo ha detto il presidente della Camera, Gianfranco Fini, rispondendo ai giornalisti al Convitto Cicognini di Prato. "La Costituzione può essere modificata, ovviamente, ma soprattutto a fine legislatura - ha aggiunto - sarebbe auspicabile che le riforme avessero un consenso molto ampio in Parlamento". Ma, ha osservato Fini, questo consenso non è molto ampio "su alcune ipotesi di riforma", almeno "al momento. Fini ha precisato di riferirsi "alla discussione in atto al Senato sulla possibilità di introdurre un semipresidenzialismo di tipo francese e di modificare in senso federale il ruolo del Senato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia