domenica 22 gennaio | 07:28
pubblicato il 02/dic/2013 15:01

Riforme: Delrio, paese malato di 'benaltrismo'. Ora attuiamole

(ASCA) - Roma, 2 dic - ''In questo paese troppo spesso le riforme sono fallite esattamente perche' non si e' ritenuto di fare passi avanti, ma si e' ritenuto di aspirare a un ottimo, che poi non si e' mai concretizzato. C'e' una malattia che si potrebbe definire del 'benaltrismo': c'e' sempre ben altro da fare quando si tratta di cambiare le cose. Ma se tutto questo si concretizzasse ancora una volta in un blocco di queste riforme, in una loro non attuazione, credo che aumenteremmo ulteriormente il distacco dei nostri cittadini dalla politica e dalla capacita' del Parlamento di decidere in maniera efficace nuove forme di organizzazione dei corpi della Repubblica''. Lo ha detto il ministro per gli affari regionali Graziano Delrio, intervenendo alla Camera per il ddl sulla riforma degli enti locali.

''Noi - ha aggiunto il ministro - siamo profondamente convinti che il progetto di legge sia improntato a principi di autonomia, di rispetto delle autonomie. Abbiamo una visione molto chiara che e' stata qui espressa dal presidente del consiglio, e cioe' che il sistema istituzionale italiano deve basarsi su due pilastri: il primo e' quello delle regioni, l'altro e' quello dei comuni''.

''Vi sono troppi enti che si occupano delle stesse cose e questo e' uno dei motivi per cui il federalismo in cui noi crediamo e che noi crediamo sia una straordinaria risorsa per questo Paese, perche' riteniamo che il principio di autonomia sia una straordinaria risorsa per questo Paese, non e' decollato. Uno dei motivi per cui il federalismo italiano non e' decollato e' anche proprio esattamente per il fatto che non vi sia stata chiarezza nell'attribuzione delle funzioni e che la carta delle autonomie sia stata per troppo tempo rimandata e poi mai declinata definitivamente'', ha spiegato Delrio, concludendo che ''noi pensiamo che questo disegno di legge, siamo sicuri che questo disegno di legge, contribuira' in maniera molto forte a definire un quadro di insieme di funzioni precise, attribuite a ogni livello di governo e con compiti, credo, rilevanti per l'efficacia e l'efficienza del nostro sistema. La gran parte delle funzioni presentate dal Governo per province e citta' metropolitane sono state mantenute''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4