sabato 03 dicembre | 10:51
pubblicato il 20/giu/2014 14:57

Riforme: delegazione Pd estero incontra Boschi

(ASCA) - Roma, 20 giu 2014 - ''Dal ministro Boschi abbiamo avuto le conferme e le rassicurazioni che ci aspettavamo: l'imprescindibilita' del voto dei cittadini italiani all'estero, l'effettivo esercizio di questo diritto attraverso riforma e messa in sicurezza del sistema e la permanenza della Circoscrizione estero''. E' quanto si legge in una nota dell'ufficio italiani nel mondo del PD.

Sono questi gli elementi chiave della riunione informativa che si e' svolta ieri, nell'ambito delle ''consultazioni'' del ministro Boschi sulle riforme costituzionali.

Consultazioni che hanno visto il coinvolgimento di una delegazione del PD all'estero, composta dal Responsabile italiani nel mondo Eugenio Marino e dai parlamentari Fedi, Giacobbe, La Marca, Micheloni, Porta e Turano (Garavini e Farina erano in missione all'estero).

''Al ministro Boschi - prosegue la nota - abbiamo confermato la volonta' politica, pur nell'articolazione delle singole posizioni e del principio di maggioranza interno, di lavorare al superamento del bicameralismo perfetto nell'ambito dell'impianto proposto dal Governo e mediato insieme agli altri interlocutori politici e abbiamo sottolineato i punti nodali e imprescindibili dei diritti di elettorato attivo e passivo degli italiani nel mondo di cui la riforma deve tener conto. Il Ministro dopo averci informato sugli esiti degli altri incontri avuti in mattinata e delle proposte che saranno contenute negli emendamenti che la riforma prevedera' in Parlamento, ha confermato come il diritto di voto degli italiani nel mondo non solo non e' in discussione, ma verra' messo in sicurezza partendo dalla proposta di riforma Speranza e Zanda gia' presentata dal PD e firmata da quasi tutti i gruppi parlamentari, che sara' anche integrata con l'introduzione del diritto di voto dei temporaneamente all'estero e degli erasmus, tenendo conto anche qui delle proposte gia' presenti in Parlamento''.

''Per quanto riguarda la composizione del nuovo Senato - continua la nota - il ministro Boschi ha spiegato come siano stati fatti notevoli passi avanti insieme agli altri gruppi parlamentari e come questa Camera si configurera', anche dopo la presentazione degli emendamenti dei relatori, come luogo delle autonomie territoriali con competenze legate alle istituzioni locali, nella quale e' difficile immaginare una presenza degli italiani nel mondo, poiche' all'estero non esistono, ne' sono riproducibili, istituzioni con competenze legislative territoriali. In questo quadro quindi l'incontro e' stato positivo poiche' si e' ribadita da entrambe le parti la pienezza dell'elettorato attivo e passivo degli italiani all'estero e la certezza dell'esercizio di questo diritto''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari