martedì 21 febbraio | 11:42
pubblicato il 20/giu/2014 14:35

Riforme: De Poli (Udc), ridurre Regioni per abbattere privilegi passato

Riforme: De Poli (Udc), ridurre Regioni per abbattere privilegi passato

(ASCA) - Roma, 20 giu 2014 - ''Il ddl sulle riforme costituzionali sara' all'esame dell'aula del Senato dal 3 luglio e i propositi iniziali aprono a una riduzione dei parlamentari cui l'Udc aderisce in toto. L'alta Camera si trasformi pero' in una rappresentanza elettiva delle autonomie seguendo il principio della reintroduzione delle preferenze, autentico baluardo per una vera rappresentativita' del territorio. Finora sui costi della politica si e' fatta molta demagogia, e' giunto il momento di agire con proposte concrete volte ad arginare lo scandalo della spesa pubblica. Per questo, al contempo, riteniamo necessario che al fianco di una riduzione dei senatori debba costituirsi anche un piano per il ridimensionamento del numero delle Regioni. Solo in questo modo abbatteremo per la prima volta i privilegi anacronistici del passato''. Lo dichiara il vicesegretario nazionale vicario dell'Udc Antonio De Poli.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia